Home / Voyager 3 (… ovvero dischi da regalare agli alieni)

Voyager 3 (… ovvero dischi da regalare agli alieni)

Dischi da inviare agli Alieni

Dots and Loops – Stereolab

#0011 Il chitarrista compositore Tim Gane e la cantante e paroliera francese Laetitia Sadier misero su, nel coacervo dell’indie pop londinese di fine ’80, un laboratorio di avanguardia e zucchero filato, destinato a cambiare per sempre la storia del pop sperimentale.  Capitolo sesto della loro produzione, Dots and Loops (Duophonic, 1997) …

Leggi tutto

Introspection / Migration – J.H. Guraj

guraja

  #0010 Migrazioni, ma come categoria profonda che sagoma l’esistenza in un costante peregrinare, da un luogo dell’anima all’altro, da una prospettiva all’altra, da un destino all’altro. J.H.Guraj è l’alterego di Dominique Vaccaro, fattosi conoscere fino a qui per un’intensa attività di artigianato elettroacustico e sperimentazione, improvvisazione elettronica e musica …

Leggi tutto

Yayayi – Yayayi

Yayayi – Yayayi

  #0009 Gli anni ’10 del secondo millennio hanno offerto nuovi paradigmi e identificato luoghi nuovi in cui andare a ricercare gli avamposti dell’innovazione musicale. Il più fruttuoso di questi è la rete stessa, dove il confine tra l’indipendenza, l’autoproduzione e il grandissimo successo di pubblico ormai è labilissimo. Il Voyager3 ospita …

Leggi tutto

Litania Sibilante – Italian Instabile Orchestra

  #0006 Ironia della sorte che una delle esperienze italiane del jazz contemporaneo più quotate e apprezzate all’estero sia quasi del tutto anonima e sconosciuta in patria e persino bistrattata nei circuiti festivalieri nostrani. Per di più una big band, un’orchestra dedita all’esplorazione armonica e all’avanguardia prima che all’improvvisazione, al …

Leggi tutto

Authentic Bahamian Calypso (A Second Album of Bahamian Songs) – Alphonso “Blind Blake” Higgs

bLIND

#0002 Blake Alphonso Higgs è senza dubbio uno dei nomi più importanti della storia della musica caraibica. Da non confondersi con l’omonimo chitarrista e virtuoso dell’East Coast Blues, Blind Blake – pseudonimo dovuto alla precoce perdita della vista avvenuta a 17 anni – era un cantante-chitarrista (per la verità esperto …

Leggi tutto