Home / News / Guido Maria Grillo: Tramonto, nuovo singolo e video

Guido Maria Grillo: Tramonto, nuovo singolo e video

Tramonto è il nuovo singolo di Guido Maria Grillo,
pronipote del “principe” Totò,
avanguardia della canzone napoletana, tra
Murolo, Tenco e Jeff Buckley

5770441_1159_guido_maria_grillo_tramonto

Dopo l’ottima accoglienza ricevuta dal primo singolo, A chi tene ‘o core, uscito lo scorso 20 gennaio, è la volta di Tramonto, secondo estratto dal nuovo lavoro di Guido Maria Grillo, pubblicato dall’etichetta bolognese AM productions.
Parentela con Antonio De Curtis, il “principe” Totò, canzone napoletana contemporanea, echi del Mediterraneo, tracce di elettronica e di musica araba, incontri tra culture e tradizioni: questo, in sintesi, è Guido Maria Grillo, giovane cantautore apolide.

Tramonto sarà disponibile dal prossimo 19 febbraio su tutte le piattaforme di streaming, accompagnato da un suggestivo official lyric video, di cui è protagonista la famiglia dell’artista stesso, ripresa nel mezzo di una tormenta di neve, con un lungo e romantico pianosequenza in slowmotion.
Il video è opera dell’artista stesso.
Tramonto rappresenta il confine tra realtà e illusione, tra la coscienza della
limitatezza dell’uomo e la sua legittima aspirazione. Il tramonto è, contestualmente, meraviglia della luce e principio del buio, è l’abbraccio del mondo, un attimo prima della solitudine.
È rappresentazione del ciclo della vita (“malgrado il sole abbagli, presto farà scuro), simboleggiato, nel video, dalla presenza dei figli dell’artista, perennemente in bilico tra il tragico e il sublime, tra la fine e l’alba di un nuovo inizio.

Immerso nell’arte fin da piccolo (nella casa materna, della famiglia De Curtis, zeppa di quadri dello zio pittore, echeggiavano arie d’Opera intonate dal nonno, tenore e violinista, e da un altro zio, grande esperto di Giacomo Puccini), Guido Maria Grillo è cresciuto ascoltando Tenco, Jeff Buckley, la grande canzone napoletana, Fabrizio De Andrè  (a cui ha dedicato la sua tesi di laurea in Filosofia). Da sua madre, pronipote del “principe” Totò e docente di Storia dell’arte, ha ereditato vocalità e passione per l’arte figurativa.

La sua musica è sintesi del mondo da cui proviene ed è intrisa di malinconia, romanticismo, tradizione, emotività e, contestualmente, offre una nuova prospettiva sulla contemporaneità. Suoni ed armonie classiche dialogano con elettronica e sonorità moderne,  l’incontro tra contemporaneità e tradizione culmina nell’intreccio di italiano e dialetto napoletano, che si contaminano naturalmente, condividendo un suono, un timbro, una simbologia.

L’utilizzo del dialetto ed il richiamo ad armonie e sfumature melodiche tipiche della canzone partenopea classica raccontano la sua radice musicale, ne celebrano la  bellezza e, contestualmente, la traghettano nella contemporaneità del suo personale mondo musicale.

Fonte: Comunicato Stampa

Ti potrebbe interessare...

Fanali comp 2

31/03/21 Fanali LIVE streaming – “Guardati dal mese vicino all’Aprile”

Fanali “Guardati dal mese vicino all’aprile” Live Streaming il 31.03.2021 Fanali: “Guardati dal mese vicino …

Leave a Reply