Home / Recensioni / Album / How to Socialise & Make Friends – Camp Cope

How to Socialise & Make Friends – Camp Cope

recensione_campcope-howtosocialise_IMG_201804Le Camp Cope sono un trio di ragazze australiane tornate quest’anno con un nuovo disco che sembra estrapolato da un fotogramma sonoro del garage punk degli anni Novanta. Si chiama How to socialise&make friends ed è stato pubblicato a Marzo del 2018. Se state cercando la rivelazione dell’anno, la ricerca sperimentale, la novità assoluta state pure alla larga perché probabilmente vi deluderà. Questo disco è una scheggia nostalgica per gli irriducibili adolescenti malinconici, un po’ incazzati, ancora con gli occhi rivolti al cielo. Pensate di avere 16 anni, delusi e sognatori, allo stesso tempo, distesi sul letto, o appoggiati alla balaustra del balcone, non sapendo cosa avverrà nel vostro futuro. Il basso, delicato e vorticoso solleva in voli pindarici. La vostra mente è una bolla in Sagan-Indiana, e cercate di prendere sempre più distacco dalla terra, come la voce di Georgia. Intimismo e paranoie fanno una perfetta aderenza come seconda pelle in The Omen. E poi chitarra che scivola leggera in I’ve got you: ritmata, appassionata, promessa assoluta.
La particolarità di queste nove tracce è proprio la loro sostanza acerba e assolutamente spontanea, scevra da ogni evoluzione musicale. Un monolito fermo nel tempo.
Un disco come un’istantanea di una sala prove di tempo fa.
Per chi ancora butta fuori nuvole di fumo disegnando se stessi con nostalgia e rabbia dolciastra.

Credits

Label: Run for cover Records – 2018

Line-up: Georgia Maq (voce, chitarra) – Kelly-Dawn Hellmrich (basso) – Sarah Thompson (batteria)

Tracklist:

  1. The opener
  2. How to socialise&make friends
  3. The face of God
  4. Anna
  5. Sagan-Indiana
  6. The omen
  7. Animal&Real
  8. UFO lighter
  9. I’ve got you

Link: bandcamp

How To Socialise & Make Friends – streaming

How To Socialise & Make Friends – audio YouTube

Ti potrebbe interessare...

FLO - La Mentirosa - Copertina

La Mentirosa – Flo

La ‘bugiarda’ del titolo non è una singola incarnazione di Flo, è la sintesi di un …

Leave a Reply