Home / Editoriali / I’m in love with the Kasabian: live @ Olympia Theatre, Dublino, 22/04/2017

I’m in love with the Kasabian: live @ Olympia Theatre, Dublino, 22/04/2017

KASABIAN-at-OLYMPIA-THEATRE-by-STE-MURRAY-_-06Faccio una premessa: Dublino il sabato sera è il caos. Si sa, la birra qui va forte, così lo spirito già per natura gioviale degli amici irlandesi si amplifica. Tutto questo mettilo in un teatro e facci suonare i Kasabian, anche loro i compagni di baldoria perfetti, e stai certo che ti porti a casa una serata di cui ti ricorderai. I Kasabian, di Leicester (città che abbiamo imparato a conoscere bene grazie alle soddisfazioni calcistiche dello scorso anno della squadra allenata dal nostro Ranieri), sono in tour per presentare il loro sesto album in studio, in uscita il 5 di Maggio, For Crying Out Loud. Serge Pizzorno racconta che il titolo è un vecchio modo di dire che usavano spesso i suoi nonni, un modo elegante di imprecare, ma è anche una frase molto bella e giusta per la musica: “per gridare forte!”. I Kasabian hanno suonato a Dublino il 22 Aprile, un sabato, come si diceva, all’Olympia Theatre, un bellissimo teatro e uno dei miei posti preferiti dove andare ad ascoltare della buona musica dal vivo. Entro e già l’atmosfera è calda, la gente a poco a poco arriva numerosa (il concerto è sold out) a riempire parterre, dove mi trovo anch’io, e palchi. Già in questo frangente si sente un’aria vibrante. Scenografia caratterizzata da gocce blu, a riprodurre le lacrime disegnate come da cartone animato della copertina del disco. In giro bicchieri di birra, euforia, e cominciano i cori da stadio mentre si attende l’arrivo del gruppo. Prima canzone è Comeback Kid, dal nuovo album, che tutti sembrano già conoscere. Davanti sventola una bandiera della squadra del Leicester, di cui lo stesso gruppo è tifoso. Bumblebee, Underdog, Eeh-ze (che prosegue con una lunga coda in cui viene eseguita la cover di Around the World dei Daft Punk), Shoot the Runner: una serie di successi uno dietro l’altro che fa fomentare la gente che a sua volta fomenta i musicisti, è un vero scambio di energia e di adrenalina, dove tutti sono ormai coinvolti. E’ un’esplosione. Nessuno è seduto, nemmeno in galleria, tutti protendono in avanti, io sono fagocitata dal pogo di alcuni ragazzi in mezzo al parterre, e a quel punto non si può che partecipare, danzare, bere birra, saltare e sentirsi parte di una mega festa dove c’è la musica migliore. Si fa a gara tra settori a chi partecipa di più, anche istigati da Tom Meighan, che veste molto bene il suo ruolo di frontman e rock star carismatica, con gli occhiali da sole appariscenti, le pose, le movenze, e il suo possente “c’mon” al pubblico. Dice che ci ama tutti, e quella sera un po’ lo deve avere pensato davvero.
Ci annuncia il nuovo singolo You’re in Love With a Psyco, pezzo pop ma perfettamente in Kasabian style. Più avanti, prima con La Fée Verte e poi con Treat, tocca a Serge (Sergio) Pizzorno (dal papà genovese), amatissimo e anima del gruppo. Durante quest’ultimo brano mentre canta scompare e riappare affacciato ad una balconata, continua a cantare tra le urla della gente. Quindi Empire, III Ray (The King), dall’ultimo lavoro, subito accattivante. Si chiude con la famosissima L.S.F. (Lost Souls Forever) e un pogo con cui già si convive. Nei bis Stevie, Vlad the Impaler e degna chiusura con Fire. Eravamo davvero “on fire”, riuscivo a percepirlo quel fuoco che si era insediato sfacciato dentro di noi. Quando si riaccendono le luci abbiamo il fiato grosso, la faccia rossa e felice, come se avessimo corso una maratona, vestiti e capelli sanno di birra, un bellissimo disastro. Gi aggettivi più usati dai presenti sono stati “crazy” e “insane”. Serata totalmente folle. E mai come questa volta rendo atto al pubblico di essere stato parte attiva di un evento cui i Kasabian sono stati i degni e grandiosi incendiari.
I Kasabian saranno in Italia: il 19 luglio al Teatro Antico di Taormina, il 21 luglio all’Ippodromo delle Capannelle di Roma, il 22 luglio all’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta ( Pd ) e il 23 luglio al Lucca Summer Festival.

Foto

Ti potrebbe interessare...

intervista_GiulianoDottori_IMG1_201705

Verso Musica Distesa: intervista a Giuliano Dottori

Giuliano Dottori è un artista che seguiamo da molto tempo, le nostre strade si sono …

Leave a Reply