Home / Recensioni / Album / Draugr – Obake

Draugr – Obake

obake-draugrCi può essere un’anima progressive nel doom e grindcore? Si può intrecciare l’ambient con il noise ed il metal? Sí, tutto questo è possibile quando si parla degli Obake. Una band che in Draugr raggiunge il suo equilibrio creativo rispetto ai lavori precedenti con una line-up ancora una volta mutata per la parte ritmica. Questa volta ad affiancare Lorenzo Esposito Fornasari e Eraldo Bernocchi ci sono Jacopo Pierazzuoli (Morkobot) e Colin Edwin (Porcupine Tree, O.R.K.). Questi demoni giapponesi della “cosa che cambia” ancora una volta spaccano di brutto. Riescono a proiettare l’ascoltatore in un fiume sotterraneo tra cavità di magma interiore e  cunicoli di dannazione eterna. In brani come Appeasing The Apparition e Cold Facts sembra di essere nel mezzo di una battaglia Melvins vs Soundgarden. Mentre in brani come Serving The Alibi e Cloud Of Liars i Melvins fronteggiano i Tool ed i Nine Inch Nails. La title-track riassume tutto lo spettro di colori melodici che può raggiungere questa band. Gli Obake esplorano il rumore dell’anima e lo plasmano in un monolite di progressione sonica di irresistibile fascino. E’ bello sapere che l’Italia produce ancora dischi di rock sperimentale come questi.

Credits

Label: Rare Noise records – 2016

Line-up: Lorenzo Esposito Fornasari (Voci, chitarre ed elettronica) – Eraldo Bernocchi (Chitarre ed elettronica) – Jacopo Pierazzuoli (batteria) e Colin Edwin (basso).

Tracklist:

01. Cold Facts
02. Incineration Of Sorrows
03. Hellfaced
04. The Augur
05. Appeasing The Apparition
06. Serving The Alibi
07. Cloud Of Liars
08. Immutable
09. Draugr
10. Draugr (Leon Switch Remix)
Links:Sito Ufficiale.

Album – streaming

Ti potrebbe interessare...

Emanuele Colandrea -cover album_web

Belli Dritti Sulla Schiena – Emanuele Colandrea

Dieci canzoni schiette che danno del tu alle residue speranze di un monologo interiore tra …

Leave a Reply