Home / Recensioni / Album / Ruins – Wolf people

Ruins – Wolf people

ruins_coverE’ tempo che i fantasmi del rock britannico fuoriescano dagli specchi del passato. E’ tempo che l’epica del rock riecheggi ancora, che le sue strali rinverdiscano i fasti di quegli anni settanta dove il folk e la psichedelia erano forza propulsiva che celebrava la ritrovata simbiosi dell’uomo con la natura. E’ tempo che rinasca una speranza nuova sulle rovine della nostra civiltà tanto decadente quanto tecnologica. Tra i custodi dell’antico fuoco sacro c’è ancora una volta una band britannica: i Wolf People. Avevano già strabiliato con il loro secondo album Fain, ma con Ruins consolidano i confini del loro reame. Il loro regno, le loro terre si estendono tra quelle dei Jethro Tull e Led Zeppelin come accade in pezzi come Ninth Night, Rhine Sagas e Glass. Riaffiora anche lo spirito rurale del rock dei Fleetwood Mac di Peter Green in brani come Kingfisher. I vortici di suono che riescono a costruire Jack Sharp & Co. non sono per nulla derivativi, hanno il sapore vivo ed intenso di una bottiglia di vino invecchiata al punto giusto. Thistles e Night Witch sono classico esempio. Incantevole il flauto che apre la tempesta di riff hard-rock che caratterizza il brano Crumbling Dais. Per certe derive strumentali ricordano gli svedesi Dungen, paladini anche essi dell’antico verbo del rock psichedelico. In Belong inseguendo la scia delle leggende del rock sembra di senitre i migliori Wishbone Ash. La bellezza di Ruins sta nel fatto che sitratta di un disco del 2016 con gli effetti sorpresa di un disco della seconda metà degli anni settanta. Per chi è stanco dei synth e amerebbe sentire un pò di chitarre elettriche senza tempo. Un piccolo gioiellino dalla terra di Albione, ricordando che c’è sempre una possibilità di rinascita, di ritorno alla madre natura, ad una vita bucolica senza freddi bytes. E quella speranza si chiama Rock.

Credits

Label: Jagjaguwar – 2016

Line-up: Jack Sharp (guitar, vocal) – Tom Watt (drums) – Dan Davies (bass) – Joe Hollick (guitar).

Tracklist:

1. Ninth Night
2. Rhine Sagas
3. Night Witch
4. Kingfisher
5. Thistles
6. Crumbling Dais
7. Kingfisher Reprise
8. Not Me Sir
9. Belong
10. Salts Mill
11. Kingfisher Reprise II
Links:Sito Ufficiale, Facebook

Night Witch – Video

Ti potrebbe interessare...

Francesco Forni - Una sceneggiata

Una sceneggiata – Francesco Forni

Il concept solista di Francesco Forni mette in sequenza ordinata le musiche originali composte per lo spettacolo teatrale …

Leave a Reply