Home / Recensioni / Album / Here Be Monsters – Motorpsycho

Here Be Monsters – Motorpsycho

here-be-monsters-motorpsycho-e1450789104576Può capitare di arrivare in ritardo su dei dischi in questo periodo di massiva produzione discografica. Ma ci sono album per i quali si è sempre in tempo per recuperare. Ti chiamano attraverso consigli di amici vecchi e nuovi. Here Be Monsters segna il ritorno dei Motorpsycho ad un periodo intermedio della loro carriera artistica (siamo al diciottesimo LP in quasi trent’anni!). Più precisamente le derive floydiane che si avvertivano in album come Phanerothyme e In the Fishtank 10. Dopo le note di piano in punta di piedi di Sleepwalking si entra in una stanza degli specchi dove un suono liquido si spande sulla tela dell’imaginazione dell’ascoltatore. La tavolozza delle storie psycho-rock di questi norvegesi  tende sempre all’alternanza di tinte sfumate che in alcuni punti si scuriscono ed inaspriscono come accade nelle tracce di lunga durata come Lacuna / Sunrise e Big Black Dog. In Spin, Spin, Spin riaffiora un mood alla figli dei fiori che contribuisce a rafforzare la potenza celebrativa di quella psichedelia anni sessanta su cui sembra incentrato l’intero disco. In ogni momento dell’album non si ha mai la percezione di clonazione di band e pezzi di quell’epoca, è sempre l’occasione per esplorare nuovi approcci sonori, cosa che avevano già fatto per l’appunto nell’esperimento In the Fishtank 10, dove i Motorpsycho avevano mesciato la loro attitudine pyscho-rock con l’ensemble fiatistico degli Jaga Jazzist Horn. Here Be Monsters è l’album che riapre un nuovo scenario di possibilità artistiche ai Motorpsycho liberandoli dalla trappola del rock acido in cui erano caduti negli ultimi dischi. Non scherziamo, i Motorpsycho restano una leggenda del rock di questi ultimi due decenni.

Credits

Label: Stickman Records – 2016

Line-up: Bent Sæther (voce, basso, chitarra, tastiera, batteria) – Hans Magnus Ryan (chitarra, voce addizionale, tastiera, violino) – Kenneth Kapstad (batteria).

Tracklist:

1. Sleepwalking
2. Lacuna Sunrise
3. Running With Scissors
4. I.M.S
5. Spin, Spin, Spin
6. Sleepwalking Again
7. Big Black Dog
Links:Sito Ufficiale.

Album – streaming

Spin, Spin, Spin – Video

Ti potrebbe interessare...

Francesco Forni - Una sceneggiata

Una sceneggiata – Francesco Forni

Il concept solista di Francesco Forni mette in sequenza ordinata le musiche originali composte per lo spettacolo teatrale …

Leave a Reply