Home / Recensioni / Album / Care – How to dress well

Care – How to dress well

recensione_howtodresswell_img_201610-jpgQuarto album per Tom Krell, in arte How To Dress Well, pubblicato lo scorso 23 settembre. Interamente scritto da Krell, co-prodotto, tra gli altri, da Jack Antonoff, noto per le collaborazioni con Taylor Swift, e mixato da Andrew Dawson, già collaboratore dei Fun. e di Kanye West.
A sei anni dal debutto con Love Remains, e dopo due album che gli sono valsi i favori di pubblico e critica, Care rappresenta uno step dell’evoluzione musicale di Tom Krell, che trasforma le iniziali sonorità R&B intimiste e crepuscolari in suoni più pop e vitali. Tale evoluzione comporta un cambiamento, oltre a una buona dose di coraggio facendo virare il progetto musicale a un livello più easy e popular, con ritornelli che entrano in testa e testi che raccontano l’amore adulto, con le umane fragilità, le insicurezze e qualche barlume di compassione e speranza.
Care è un album davvero gioioso, spero che ascoltarlo vi possa dare piacere sopra ogni cosa”: sicuramente questa dichiarazione di intenti di Krell è veritiera, perché ai primi ascolti una sensazione di benessere si fa strada dalle orecchie al sorriso. Le successive rotazioni fanno emergere qualche disarmonia. Un disco non completamente amalgamato che fa convivere in maniera forzata i brani più sperimentali in linea con le precedenti produzioni, come l’emozionante The Ruins, la love song per piano e voce Untitled e le canzoni più pop come Can’t You Tell con un bell’approccio funky e Lost You/Lost Youth, immediata e incisiva.
Care si fa sicuramente apprezzare per le atmosfere spensierate e felici, anche restando un esperimento variegato che in alcuni punti non trova una dimensione innovativa e di qualità, a cui ci aveva abituati How To Dress Well.
L’album, oltre ai supporti fisici e digitali più classici, è disponibile anche in una versione deluxe, con vinili colorati marmorizzati e un booklet di 16 pagine.

Credits

Label: Domino- Weird World– 2016

Line up: Tom Krell

Tracklist:

    1. Can’t You Tell
    2. Salt Song
    3. What’s Up [Explicit]
    4. Lost Youth / Lost You
    5. The Ruins [Explicit]
    6. Burning Up
    7. I Was Terrible
    8. Anxious
    9. Time Was Meant To Stay
    10. Made A Lifetime
    11. They’ll Take Everything You Have
    12. Untitled

Link: Sito Ufficiale, Facebook, Twitter, Instagram

Care – streaming

Can’t you tell (Live) – video

 

Ti potrebbe interessare...

Guarino_rec

Io, Tu e le Altre – Francesco Guarino

Francesco Guarino è un cantautore italiano originario di Sassari ma da diversi anni ormai in …

Leave a Reply