Home / Recensioni / Album / At Swim – Lisa Hannigan

At Swim – Lisa Hannigan

recensione_lisahannigan-atswim_img_201609At Swim è il terzo album di Lisa Hannigan e segue Sea Sew, che è stato doppio disco di platino nominato ai Mercury Awards nel 2008, e Passengers, numero 1 nelle classifiche in Irlanda.
Nei cinque anni passati in giro a suonare e a scrivere, si è maturata l’evoluzione di Lisa che l’ha portata a questo suo terzo lavoro. Cruciali le esperienze con il cinema, la scrittura di Song of the Sea per l’omonimo film di animazione di Tomm Moore, le soundtrack di Fargo e Gravity. E poi l’incontro con Aaron Dessner, chitarrista dei The National, con il quale ha lavorato a un disco che ambisce a essere più maturo e minimale. La storia narra che At Swim sia il frutto di una registrazione avvenuta in una chiesa di Hudson, New York, nel corso di una full immersion creativa di sette giorni.
Siamo lontani dagli esordi folk e bucolici della cantante irlandese che attingeva direttamente alle sonorità tipiche della sua terra natale, altrettanto lontani e affrancati dall’ombra di Damien Rice, ex compagno di vita e di musica. Già la copertina, che la ritrae in bianco e nero, ci fa intuire il mood minimal dell’album che compie un ideale percorso di accompagnamento dal vecchio al nuovo sound di Lisa Hannigan, partendo dalla ondeggiante e folkeggiante Fall con la sua aggressiva linea di apertura “Hold your horses, hold your tongue/ Hang the rich but spare the young!
Le altre tracce dell’album rivelano lo stato d’animo triste, di chi ha vissuto l’isolamento e la solitudine. Assieme alla voce matura eppure infantile della Hannigan, ogni strumento tintinna e miagola come pioggia sui vetri. Proprio questa sua caratteristica creepy e le sue sonorità vecchio stile ne fanno un disco sicuramente non di facile fruizione, anzi. Ai primi ascolti si potrebbe non essere colpiti da tutto questo minimal con pochissimi guizzi, ma gli ascolti successivi finiscono con il rivelare l’anima nascosta e acquatica. Dispersi nel mare, addormentati sulle onde della vita.

Credits

Label: ATO Records– 2016

Tracklist:

  1. Fall
  2. Prayer For The Dying
  3. Snow
  4. Lo
  5. Undertow
  6. Ora
  7. We, The Drowned
  8. Anahorish
  9. Tender
  10. Funeral Suit
  11. Barton

Link: Sito UfficialeFacebookTwitterYou TubeInstagram

At Swim – streaming

Ora – video

Ti potrebbe interessare...

FINAL COVER DRAFT1

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? – Deerhunter

‘Why make this album in an era when attention spans have been reduced to next …

Leave a Reply