Home / Recensioni / Album / Boy King – Wild beasts

Boy King – Wild beasts

wild-beasts-boy_kingQueste bestie selvagge non sbagliano un colpo. Hanno la stessa mission degli Alt-J: increspare il rock-pop con l’elettronica. Il loro sound si colora di synth ma non cade mai nel manierismo anni ottanta, pur prediligendo una spiccata ricerca dell’uncino melodico. Questa magia forse gli riesce bene grazie alla voce principale da tenore di Hayden Thorpe. Il titolo introduce subito alla tematica del disco: una satira del moderno concetto di mascolinità, viene sviscerato il livello di tossicità che ha raggiunto nei vari strati della società fino a raggiungere una misoginia istituzionale che sta conducendo segretamente alla cultura dello stupro. A queste liriche dal tema oscuro si contrappongono gli arrangiamenti al “neon”, a base di synth e sobbalzi di elettronica quasi vintage. Questo quinto lavoro della band di Kendal è sicuro di non facile fruzione a primo ascolto, ma poi entra sinuosamente e scava caverne di sana dipendenza ad un modo diverso di concepire il rock ed il pop.  Tracce essenziali di ritmica serrata sono le prime tre: Big Cat, Tough guy e Alpha female. Ma Celestial Creatures è forse il picco del disco, quella vetta di sensualità che solo i Wild Beasts hanno con quel dialogo vocale tra Hayden Thorpe e Tom Fleming. Da questo punto dell’album si parte in climax ascendente governata vocalmente da Tom Fleming intrecciando la new wave con il soul in 2BU. Venature più rock emergono in He the colossus e ci ricordano da dove i Wild Beasts erano partiti. La calda voce di Tom Fleming ritorna alla grande nell’ipnotica Ponytail. Dreamliner è la quiete dopo la tempesta elettronica che far riemergere la voce suadente di Hayden Thorpe su lontane note di piano. Boy king si chiude con una bonus track da venti minuti, ricordandoci le sorprese che si celavano nei vecchi CD, la prova che è possibile un rock-pop diverso, un rock-pop che faccia pensare attraverso strutture armoniche meno scontate e più complesse di quelle con cui ci bomborda il mainstream. Boy king è un disco che sorprende ad ogni nuovo ascolto.

Credits

Label: Domino records – 2016

Line-up: Hayden Thorpe (voce, chitarra, basso, tastiera) – Ben Little (chitarra, tastiera) – Tom Fleming (basso, voce, chitarra, tastiera) – Chris Talbot (batteria, voce).

Tracklist:

01. Big Cat
02. Tough Guy
03. Alpha Female
04. Get My Bang
05. Celestial Creatures
06. 2BU
07. He The Colossus
08. Ponytail
09. Eat Your Heart Out Adonis
10. Dreamliner
11. Boy King trash – Bonus track

Link: Sito ufficiale.

Album – streaming

Big Cat – video

Ti potrebbe interessare...

Ex-Re-Album-Packshot-SMALL

S/T – Ex:Re

Flusso di coscienza del naturale processo di autoeliminazione. Come elaborare un lutto, processare la fine …

Leave a Reply