Home / Recensioni / EP/Self Released / Due EP – Cani dei Portici

Due EP – Cani dei Portici

Cover - DueSi intitola semplicemente Due ed è il secondo lavoro in studio del duo bolognese Cani dei Portici. Uscito a tre anni dal loro esordio, Cave Canem, l’EP, composto da cinque brani, è stato pubblicato grazie alla collaborazione fra Dischi Bervisti, Toten Schwan Records, Vollmer Industries, E’ Un Brutto Posto Dove Vivere, Santa Valvola Records, Oh! Dear Records, L’Odio Dischi ed Effetti Collaterali Records.
Due è un disco strumentale potente, che colpisce con le sue sferzate che spaziano tra post-hardcore, noise e rock. Un lavoro che si apre con il rumore rilassante delle onde del mare, spezzato subito dai riff lancinanti di Cuore di tenebra, primo singolo estratto. Un brano che presenta un’alternanza perfetta tra momenti di calma e altri in cui la batteria e la chitarra arrivano con i loro suoni devastanti. Vamonos è un pezzo brutale, che corre via veloce lasciando senza fiato. Buio si muove su atmosfere più doom, alternando momenti di calma ad altri in cui batteria e chitarra picchiano duro, caratteristica che contraddistingue anche il seguente La Gente deve Capire. Il brano conclusivo, uno strumentale senza titolo, è caratterizzato da atmosfere più rilassate, disegnate da una chitarra acustica che suona in primo piano.
La mezz’ora circa di Due svela un’ottima proposta. Un Ep che sprigiona forza, energia e potenza, il tutto eseguito da musicisti che dimostrano un alto livello qualitativo. Una bella sferzata di distorsioni rock, consigliatissimo per chi ama il genere.

Credits

Label: Dischi Bervisti – 2016

Line-up: Demetrio Sposato (batteria) – Claudio Adamo (chitarra, voce)

Tracklist:

  1. Intro
  2. Cuore di tenebra
  3. Vamonos
  4. Buio
  5. La gente deve capire
  6. (senza titolo)

Links: Facebook

Due – Streaming

Cuore di tenebra – Video

Ti potrebbe interessare...

Ex-Re-Album-Packshot-SMALL

S/T – Ex:Re

Flusso di coscienza del naturale processo di autoeliminazione. Come elaborare un lutto, processare la fine …

Leave a Reply