Home / Recensioni / EP/Self Released / Serpenti – EPO

Serpenti – EPO

serpentiepoCi sono dischi che parlano di noi, che sanno leggerci dentro, che sanno trovare le parole giuste, le metafore perfette, le immagini azzeccate per definire le nostre vite circolari di questi anni malati. Ed ecco che versi in Mesopotamia come “Siamo alla deriva come battelli in un mare in salita… per poi naufragare nel centro commerciale… scattiamo foto per fermare un ricordo che non stiamo vivendo” ben raffigurano lo stato catatonico in cui è piombato l’uomo “social” 2.0.   I nuovi cannibali di A piedi nudi sui vetri del precedente album Ogni cosa è suo posto sono diventati Serpenti pronti a mordersi e sputare veleno nella piena evoluzione del vortice del male che oggi fagocita qualsiasi forma di relazione umana. In fondo a questo mare di male e solitudine ci sono quelle mute paure che ci rivelano solamente di essere l’Ultimo Cristo. Il conforto a questa misera vita, quella Dalla parte del torto, lo potremo trovare forse  nel ritorno ciclico di una lei… quella del sapore dei baci rubati di notte sui sedili di un’auto, quella che ci ricorderà di una vita che poteva e che non è stata. In questa visione senza uscita la Venere di Ogni cosa è suo posto diventa Ape Regina per sentire il dolore da assuefazione pura. Questo EP, che anticipa l’uscita del quarto album della band partenopea,vale un intero disco grazie alla densità e profondità poetica della scrittura di Ciro Tuzzi. Il sound preciso e ammaliante porta in quella ricerca di una struttura pop alternativa nel pieno rispetto della melodia. C’è molta attitudine stile moderno cantautorato americano, uno su tutti Patrick Watson, nel variare le atmosfere dei pezzi. C’è spazio per incursioni noise e cinematiche a limite del post-rock che vogliono liberare la canzone pop-rock dai classici stilemi, grazie alle chitarre di Michele De Finis. Serpenti è veramente un piccolo gioiellino di suoni che sembrano volerci traghettare da quel passato degli EPO rintracciabile in brani come Mesopotamia ad un futuro possibile come L’ultimo Cristo. Per realizzare grandi dischi ci vuole talento e tempo e tutto questo è dalla parte degli EPO.

Credits

Label: Le Narcisse 2016

Line-up: Ciro Tuzzi (voce, chitarre, produzione artitisca) – Michele De Finis (chitarre elettriche) – Jonathan Maurano (batteria, percussioni)

Tracklist:

1. Mesopotamia
2. Serpenti
3. L’ultimo Cristo
4. Dalla parte del torto
5. Ape Regina

Links:Facebook,Sito Ufficiale

Serpenti – Teaser

Serpenti EP – Deezer streaming

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply