Home / Recensioni / Album / Have You In My Wilderness – Julia Holter

Have You In My Wilderness – Julia Holter

Julia-Holter-Have-You-In-My-WildernessPop non convenzionale. Abilità ad utilizzare strumenti come il clavicembalo, gli archi per spiazzare in passaggi melodici arditi. Questa è una voce incredibilmente mutevole, capace di essere in un brano come Silhouette tra Björk e Julianne Newsome o come in How long? tra Nico e Kate Bush. In Lucette Stranded on the Island e Night Song per il suo modo di cantare ricorda tanto la nostra Cristina Donà. In Have You In My Wilderness c’è un mare di sorprese sonore, il talento di Julia è quello di non farsi ingabbiare in manierismi classici della canzone pop, ma di farsi guidare da un istinto innato per la melodia che flirta costantamente con il jazz e l’elettronica per sconvolgere l’ascoltatore (massimo esempio di quest’approccio è Vasquez). Al quarto album questa cantautrice di Los Angeles conferma tutto il suo talento, nato in quella sua stanza da letto, dove aveva registrato i suoi primi dischi. Ancora una volta ha realizzato un disco denso di atmosfere indimenticabili che regalano vibranti emozioni come accade in Betsy on the RoofEverytime Boots. Il baroque-pop di Julia è un affascinante viaggio dove leggerezza fa rima con disorientamento melodico.  Have You In My Wilderness è senza alcun dubbio l’album più spiazzante ed al tempo stesso emozionante  di questo anno che sta volgendo al termine.

Credits

Label: Domino records – 2015

Line-up:  Julia Holter.

Tracklist:

01 Feel You
02 Silhouette
03 How Long?
04 Lucette Stranded on the Island
05 Sea Calls Me Home
06 Night Song
07 Everytime Boots
08 Betsy on the Roof
09 Vasquez
10 Have You in My Wilderness

Link: Sito ufficiale.

Silhouette – Video

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply