Home / Recensioni / Album / The Hollyhocks – Pop Culture

The Hollyhocks – Pop Culture

Malvarose made in Italy. Gli Hollyhocks sono i  torinesi Mattia Pafundi, Gianluca Sivieri, Giorgio Rinaldi, Paolo Gallicchio. Nel 2011 esce il loro primo Ep (A Place To Hide, TDMC Records) che dà il via ai vari live nel Nord Italia e all’ estero. 2013, nasce Pop Culture, il loro primo album.
Pop Culture nel mio immaginario risuona come una dichiarazione non pretenziosa, una auto-etichetta volta a proteggere la legittimità di questo lavoro. Legittimità che si dispiega in tutte le tracce. Dopo la ludica introduzione, risuonano pezzi attentamente strutturati. Ritmiche costantemente in risalto si affiancano alla vocalità Brit di Mattia Pafundi.
Shoegaze, pop, indie, new wave. Di qualunque genere si voglia parlare, a risaltare sono energia e qualità.
Incalzante Blind Me, piacevolmente adolescenziale Pleased, urlante Want, essenziale Ocean.
Sicuramente non  applaudirete all’ innovazione e non sarà difficile notare influenze musicali e riecheggi vari. Tutto avrà però il sapore di un puzzle ben riuscito e lungimirante.
Dopotutto se la minestra riscaldata dovesse essere una lasagna, credo ci sarà indubbiamente qualcosa di buono di cui godere.

Credits

Label: DTMC Records-2013

Line-up: Mattia Pafundi (voci, chitarre, tastiere) – Gianluca Sivieri (batteria) – Giorgio Rinaldi (basso, tastiere) – Paolo Gallicchio (Chitarra, tastiere)

Tracklist:

  1. Intro
  2. Drowning Boulevard
  3. Animals
  4. Pleased
  5. Night Lights
  6. Bind Me
  7. Want
  8. Lack Of Sense
  9. Ocean

Links:Facebook

Ti potrebbe interessare...

FINAL COVER DRAFT1

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? – Deerhunter

‘Why make this album in an era when attention spans have been reduced to next …

Leave a Reply