Home / Recensioni / Album / Afterthoughts – Nosound

Afterthoughts – Nosound

Saltando indietro nel tempo, ritorneremo a biforcazioni della nostra vita e ripenseremo a traiettorie che poteva prendere e che non ha preso. Continua la scrittura raffinata ed intima di Giancarlo Erra ed il suo magico progetto Nosound raggiunge altissime vette. Nel lontano 2008 Steven Wilson e la Kscope Records hanno visto giusto nel credere in questo talentuoso artista romano. Da one-man band i Nosound,al quarto lavoro sono diventati un ensemble perfetto tanto da trascinare dentro il batterista Chris Maitland. Le dinamiche della ritmica del batterista dei Porcupine Tree ha amplificato la natura riflessiva e sospesa del caleidoscopio emozionale dei Nosound. Senza dubbio le atmosfere si sono piu dilatate in una chiave psichedelica post-progressive. Le liriche di Giancarlo Erra sono dense e introspettive e disegnano un mondo sonoro unico. Sono perfetti bozzetti dell’anima brani come In My Fears e Wherever You Are. L’apporto della violoncellista Marianne DeChastelaine impreziosisce ulteriormente i brani sottolineandone il pathos come in She. I ripensamenti di Giancarlo Erra toccano l’apice della profondita interiore nel cantato in italiano per la prima volta con la suggestiva Paralysed. Dobbiamo essere orgogliosi che un artista italiano riesca a proporre all’estero una musica tanto speciale come quella custodita da Afterthoughts.

Credits

Label: Kscope Records – 2013

Line-up: Giancarlo Erra (Guitar, vocals) – Chris Maitland (Percussion) – Paolo Vigliarolo (Guitar) – Alessandro Luci (Bass guitar) – Marco Berni (vocals, Keyboards).

Tracklist:

1. In My Fears
2. I Miss the Ground
3. Two Monkeys
4. The Anger Song
5. Encounter
6. She
7. Wherever You Are
8. Paralysed
9. Afterthought
Links:Sito Ufficiale, Facebook

Wherever You Are – Video

Suggestions

Ti potrebbe interessare...

ofeliadorme-dlso-770x770

Secret Fires – Ofeliadorme

Non siamo altro che fuochi segreti e lontani chiamati stelle. Ritorna il trio bolognese Ofeliadorme …

Leave a Reply