Home / Recensioni / Album / Per versi soli – Novalisi

Per versi soli – Novalisi

I Novalisi sono un giovane gruppo rock indipendente veneto il cui progetto è nato nel 2009. Nell’ottobre 2012 è uscito il loro primo album dal titolo Per versi soli, un concept sulla solitudine in cui si alternano ambientazioni elettroniche, ballate acustiche e distorsioni elettriche che denotano una buona cura negli arrangiamenti. L’album parte energico e graffiante con Aemme e The Clocks per scemare piano nella quiete acustica di Quello che rimane e nell’elettrico di Sbagli, interessanti le trombe di Stille e l’apertura vocale di Surf Su Sangue.  La band è giovane e al primo lavoro e si sente: nei forti richiami alle band italiane dell’indie (La Crus, Marlene Kuntz, Afterhours), nei testi che avvicendano momenti di forte ispirazione ad altri in cui si scade in cliché che tolgono forza alla tematica portata avanti, e si sente anche nella scelta di una linea melodica semplice che rende il lavoro a tratti piatto.
Un disco, nel complesso, ben arrangiato, dal sound carico e con alcuni spunti interessanti, ma non ancora maturo, schiacciato com’è dalle melodie semplici che non danno il giusto spessore e dalla scarsa personalità che ancora i Novalisi al porto delle loro influenze stilistiche.

Credits

Label: Face Like A Frog/Matteite/Venus – 2012

Line-up: Davide Lisotto (voce, chitarra) – Michele Catto (basso, synth) – Enrico Lisotto (batteria, chitarra)

Tracklist:

  1. Aemme
  2. The Clocks
  3. Il soffito da qui
  4. Quello che rimane
  5. Sbagli
  6. La speranza
  7. Surf su Sangue
  8. Neranima
  9. Stille
  10. Noi

Link: Facebook

Ti potrebbe interessare...

recensione_giuseppefiori-spazidivitascomodi_IMG_201711

Spazi di vita scomodi – Giuseppe Fiori

Giuseppe Fiori esordisce con Spazi di vita scomodi, il suo primo album solista. In realtà …

Leave a Reply