Home / Recensioni / EP/Self Released / Alessandro Grazian – L’abito

Alessandro Grazian – L’abito

labito_epSe c’è poesia c’è veleno. (Sulla via). Vero. Se c’è coraggio, c’è futuro. Altrettanto vero. Perché è il coraggio l’antidoto. Il coraggio di dirsi, di darsi in forma di metriche fuori dal tempo e dallo spazio, raccontando il tempo e lo spazio nell’unica dimensione plausibile: l’amore incondizionato, quello fatto di pelli che si compenetrano, di una fame mai sazia, di nudità meticcie di menzogna ed onestà, di emarginazione e riscatto, di compassione e benedizioni. Amore. Amor cortese e carbonaro, medievale e stolto, fragilissimo e incensato. Amore per la bellezza, per le sfumature della ruggine, per l’eleganza, per i Modi, per un Altrove fatto di grazia, di innocenza, laddove l’estro è genio e il genio umiltà. Amore. Cinque canzoni per amore del Vero, delle Parole in quanto cappi, del pentagramma come maturità elettiva. Canzoni in volo, il volo libero della maestria, della raffinatezza metrica e stilistica, della complessità che osa le ragioni del candore. Intatte, cariche d’esperienza e prive di fronzoli, elogio alla sintesi laddove sintesi significa arrangiamenti impeccabili e orchestrazioni che indovinano l’attimo dell’eclissi, il nodo di fiato dell’apnea. Accelerano, planano, soffiano: ricchezza strumentale e sobrietà lessicale si compenetrano, ora seducendo il timpano, ora scuotendo la memoria. Accade così di ri-conoscere l’innegabile peculiarità dell’Arte di Alessandro Grazian, dei musicisti cui sceglie di affidare la vestizione delle sue linee di colore, di ascoltare L’abito e ritrovarsi sconosciuti in fronte al tanto rumore che muove le ore, di lasciarsi tradire da Solo lei, dall’est di Incensatevi; di ricordare un altro modo di scrivere canzoni, gli anni sessanta d’Italia, certo cinema, certo cantautorato francese. Accade di abbandonarsi al lusso e di scoprire che è davvero appagante lasciarsi stupire, incontrare qualcosa capace di farlo ancora e con tale naturalezza.

Credits

Label: Trovarobato – 2009

Line-up: Alessandro Grazian (voce, cori, chitarra acustica, chitarra elettrica baritono, glockenspiel, piano rhodes, noise) – Nicola Manzan(violino, viola) – Giambattista Tornielli (violoncello) – Riccardo Marogna (clarinetto basso, clarinetto ) – Nereo Fiori (fisarmonica) – Alessandro Arcuri ( contrabbasso) – Tommaso Cappellato (batteria e percussioni). Musica e testi di Alessandro Grazian. Prodotto da Alessandro Grazian. Arrangiato da Alessandro Grazian con la collaborazione dei musicisti

Tracklist:

  1. L’abito
  2. Incensatevi
  3. L’ago
  4. Solo lei
  5. Sulla via

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

FINAL COVER DRAFT1

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? – Deerhunter

‘Why make this album in an era when attention spans have been reduced to next …