Home / Recensioni / Free Download / A day of wool – Il cielo di Bagdad

A day of wool – Il cielo di Bagdad

Come un racconto senza parole. Eccetto nell’incedere della fine. Dove si adagia il fiato che rammenta l’ineluttabilità, moltiplicandola quasi per eludere. La neve non manca più e forse anche a primavera, scivola nel silenzio verde in cui si fa poesia e pretende il calore di un giorno di un filato colorato. Ed è l’inizio di un mondo incantato. Il mondo della delicatezza. Il mondo dei tratti che osano le forme spiate nei sogni. Gonfia la melodia fino a disegnare i contorni di un cerchio che, rotolando, aumenta il suo diametro di ritmica. Intorno il cielo fa la sua Musica e la regala al gioco delle progressioni discrete e lievi.
A day of wool è la serratura da cui intuire i profumi che una band di Aversa ha sparso nella stanza del post rock, quello che ricama nell’aria le visioni più soffici e sofisticate. Magari chiedendo la trama di qualche favola agli elfi Sigur Rós.
Il cielo di Bagdad fa cadere come la neve il singolo che anticipa l’album Export for Malinconique, previsto per ottobre 2008 ed affidato alla cura della RecBedRoom. Un singolo in free download, per incuriosire, per condividere un’attesa, per lasciar scorrere una presenza scandita dal tempo della fatica e delle prospettive dopo il primo ep completamente autoprodotto (Manca solo la neve, 2006).

Credits

Label: RecBedRoom – 2008

Line-up: Giovanni Costanzo (piano, sinth, macchine, voce) – Nicola Mottola (chitarre, macchine, basso) – Luca Buscema (batteria, drum machine); Produced & Performed by Il cielo di Bagdad; Recorded at RecBedRoom Studio; Engineered, Mixed by Giovanni Costanzo & Il cielo di Bagdad; Mastered at Alpha Dept by Francesco Donadello; Designed by Alessio Nunzi (www.dral.net)

Tracklist:

  1. A day of Wool

Links:Sito Ufficiale,Single Free Download,MySpace

A day of Wool – Preview

Ti potrebbe interessare...

Motorpsycho - The all is one

The All is One – Motorpsycho

Dovevano andare oltre la formula base del trio i Motorpsycho per la lunghissima chiusura della …