Home / Recensioni / Album / Sprecato – James Jonathan Clancy

Sprecato – James Jonathan Clancy

IMG_5040

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà mai essere conquistato. L’attimo non è fuggente ma nasce già Sprecato. Passi alcolici scandiscono gli echi di un tempo senza limiti. In un viaggio di alienazione urbana James Jonathan Clancy musica le tavole del disegnatore Michelangelo Setola e nasce un’opera sinestetica dove si fonde l’arte visuale con quella dei suoni.  Sprecato è la soundtrack epica di un’odissea interiore. La scrittura di Clancy si esalta con la cooproduzione di Stefano Pilia (Afterhours, Massimo Volume, Zu). Ogni brano è denso di atmosfere ipnotiche dal sapore folk-rock psichedelico. Castle night è la ballad apocalittica che lascia il segno. Poi il disco si dipana tra synths e loops concentrici, dove la voce di Clancy graffia ferocemente il cuore. I fiati screziano le atmosfere senza tempo; in brani come I want you, Precipice e Had it all ci pensa il flauto di Enrico Gabrielli (PJ Harvey, Calibro 35, Aftehours), in altri più acidi come A worship deal e Out and Live c’è il magico sassofono di Kyle Knapp (Cindy Lee, Deliluh). In Fortunate Francesca Bono (Ofeliadorme, Bono-Burattini) accentua la carica emotiva del brano con piano e voce. Black & White è il pezzo che fotografa l’intero album, una danza quasi sciamanica tra Jim Morrison e Scott Walker. Il primo album solista di James Jonathan Clancy scivola veloce nelle budella dell’ascoltatore come un buon whisky che riscalda graziosi fantasmi interiori. Sarà sicuramente tra le più intense uscite di questa annata.

Credits

Label: Maple Death Records – 2024

Line-up: Scritto da Jonathan Clancy. Co-prodotto da Stefano Pilia e Jonathan Clancy.

Tracklist:

1. Castle Night
2. I Want You
3. Precipice
4. Black & White
5. A Worship Deal
6. Milk Of Dreams
7. Fortunate
8. Had It All
9. To Be Me
10. Out And Alive
11. Immense Immense Wild
Link: FB.

Castle Night – Video

Album – streaming

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply