Home / Recensioni / Album / Chaos for the fly – Grian Chatten

Chaos for the fly – Grian Chatten

grian_chatten_chaos_for_the_flyE ti trovi a passeggiare tra le rovine di un casinò abbandonato a 30 miglia a Nord di Dublino. Ed è proprio lì, tra le onde di un mare impetuoso che inizi a conversare con i tuoi demoni interiori e alla fine realizzi la migliore opera prima di songwriting dell’ultimo decennio. Stiamo parlando di Grian Chatten, il front-man dei Fontaines D.C., una delle rock band più valide e apprezzate degli ultimi anni. Dimenticate le sonorità post-punk e calatevi in atmosfere folk, colorate di raffinati arrangiamenti, diretti sempre da Dan Carey a rafforzare il mood malinconico di Grian Chatten. The Score subito ci proietta con un fingher picking di matrice quasi asturiana in una notte interiore di battiti synth. In Last Time Every Time Forever queste pulsioni elettroniche dominano tra onde melodiche d’archi, accenti di acido piano e vocalizzi sensuali sixty della partner Georgie Jesson: qui la notte si fa ancora più profonda. Fairlies ha una ritmica serrata dall’inciso prorompente… siamo davanti ad uno “Sturm und Drang” di poesia pura (“The boat is drifting in, the weight is cast, how can life go so slowly and death come so fast?” ). Da un’altra epoca sembra provenire il sound di Bob’s Casino, Grian sembra rianimare i fantasmi di quel Casinò abbandonato in un noir dalle tinte hollywoodiane. Grande performance vocale ornata ancora una volta dalle dolci armonie di Georgie Jesson. All of the people è la ballad perfetta che pone l’accento sul mondo assurdo dell’industria musicale. Tra fiati ipnotici, sintetizzatori luccicanti si muove la voce onirica del songwriter irlandese nella magica East Coast Bed, ulteriore prova eccelsa dei curati arrangiamenti di questo disco. In Salt Throwers off a Truck affiorano le radici della tradizione folk irlandese. Una delicata armonica impreziosisce ancora una volta il dialogo di voci di Grian e Georgie nell’elegia che è I am So far. La ballata dei demoni finali è Season For Pain. Una ballata che sarebbe piaciuta a Kurt Cobain ed Elliot Smith (“If you have nowhere to go, Get used to the rain, I doubt you find what you’re looking for, I doubt the feeling remains, This is no season for loving, This is the season for pain”). il caos di Grian è un vero capolavoro ed al suo debutto solista lo consacra tra i migliori giovani cantautori del momento.  

Credits

Label: Partisan Records – 2023

Line-up: Grian Chatten.

Tracklist:

01. The Score
02. Last Time Every Time Forever
03. Fairlies
04. Bob’s Casino
05. All Of The People
06. East Coast Bed
07. Salt Throwers Off A Truck
08. I Am So Far
09. Season For Pain

Links:Sito Ufficiale.

Album – streaming

Last Time Every Time Forever – Video

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply