Home / Recensioni / Album / Vertigo Days – The Notwist

Vertigo Days – The Notwist

cover_vertigo_dasysL’unica certezza è che non abbiamo certezze. Ecco… perchè non prendersi il meglio di questi giorni? La vertigine dell’impossibile che diventa possibile! Nel mezzo di questa pandemia globale dove le relazioni personali sono condizionate da decisioni politico-economiche possiamo anche accettare di immergerci in questa suite senza argini di genere che è Vertigo Days, ultimo lavoro della band tedesca The Notwist. Il trio composto da Markus Archer, Micha Archer e Cico Beck si è sempre mosso in territori inesplorati dell’indie-pop tendendo ad un’elettronica elegante, figlia del krautrock. Ma in Vertigo Days il caleidoscopio Notwist si amplifica di intuizioni cinematiche imprevedibili, sfruttando le esperienze dei progetti pallelli ( Spirit Fest, Hochzeitskapelle, Alien Ensemble, Joasihno), che hanno visto i membri della band in apparizioni come ospiti nella composizione di colonne sonore per l’etichetta discografica Alien Transistor. E’ difficile estrarre dalla tracklist di questo album brani che svettano di luce propria perchè tutti hanno un loro significato in questo flusso di coscienza sonoro, compatto ed eterogeno che è riuscito a creare il trio di Weilheim. Colpisce certamente il primo singolo Oh, Sweet fire per le atmosfere suadenti e rarefatte ed un sublime testo scritto e cantato dal polistrumentista americano Ben LaMar Gay, molto in sintonia con i nostri tempi, dove una coppia di amanti marcia in una rivolta verso una libertà tanto desiderata. L’ipnotica e nostalgica Into Love/Stars disorienta e ammalia in quei cinque minuti. Le sorprese non finiscono con le incursioni di clarinetto jazzy di Angel Bat Dawid nella Into The Ice Age. In Ship c’è la collaborazione con Saya (del pop duo giapponese Tenniscoats), una voce che impreziosisce il ritmo krautrock, che riaffiora dal DNA della band. In definitva Vertigo Days conferma la magia ed il talento dei Notwist, fornendo la colonna sonora perfetta di queste giornate grige di pandemia. Si viaggia ad occhi chiusi.

Credits

Label: Morr Music – 2021

Label: Markus Acher (chitarra, voce) – Michael Acher (basso) – Martin Gretschmann (aka Console, programmazione) – Andi Haberl (batteria).

Tracklist:

01. Al Norte
02. Into Love / Stars
03. Exit Strategy To Myself
04. Where You Find Me
05. Ship feat. Saya
06. Loose Ends
07. Into The Ice Age feat. Angel Bat Dawid
08. Oh Sweet Fire feat. Ben LaMar Gay
09. Ghost
10. Sans Soleil
11. Night‘s Too Dark
12. *stars*
13. Al Sur feat. Juana Molina
14. Into Love Again feat. Zayaendo
Link: Sito Uffciale.

Oh Sweet Fire – Video

Album – streaming

Ti potrebbe interessare...

Kate NV Room for the moon Instrumentals

Room for the Moon (Instrumentals) – KATE NV

Per lungo tempo la propaganda anti comunista ci ha restituito l’immagine di una galassia sovietica …

Leave a Reply