Home / Recensioni / Album / When You See Yourself – Kings of Leon

When You See Yourself – Kings of Leon

kingsofleon_whenyouseeyourselfCercare di entrare in contatto con te stesso e chiederti: “Cosa vedi quando ti vedi? A volte sei molto più duro con te stesso di quanto lo sarebbe chiunque altro, ed è solo una buona domanda da porsi”. Da questo concept nasce l’ottavo disco in studio dei Kings of Leon. When You See Yourself è un album dove c’è poca verve di arena rock, c’è molta attitudine introspettiva in un mood nostalgico senza alcun obiettivo di piacere a tutti i costi. Ed ecco che la famiglia Followill ritorna alla genuina scrittura degli esordi. Siamo di nuovo davanti ad un incredibile caleidoscopio sonoro che alle mitiche linee di basso di Jared e alla voce implorante di Caleb aggiunge intuizioni di tastiera e synth alla Brian Eno, estendendo la paletta della band verso atmosfere inesplorate. Un disco che non ha hit schiacciasassi, ma molti brani che riverberano e restano dentro l’anima già dopo il primo ascolto come 100,000 People e Golden Restless Age. La sola Time in Disguise vale il prezzo del disco. Mentre A wave e Supermarket sono le stampelle a cui ci aggrappiamo in quelle notti interiori che non smettono mai. Ci sono le solite virbrazioni alla Eagles con qualche puntata verso anche lo spirito della E Street Band in brani narrativi come Claire & Eddie. In Echoing e  The Bandit ci sono quelle cavalcate rock che riescono solo a band energiche come i KOL, battendo le strade di U2 e Pearl Jam. Il disco si chiude nella ballata lunare Fairytale. La band di Nashville tritura nel suo shaker decenni di rock dal basso di Paul McCartney, i synth dei Talking Heads, l’anima desertica degli Eagles, miscelando il tutto con un originale gusto della melodia e rinnovamento del genere. Veramente un bel nuovo capitolo della discografia dei KOL.

Credits

Label: RCA Records – 2016

Line-up: Caleb Followill (lead vocals, rhythm guitar) –
Jared Followill (bass, keyboard, synthesizer, backing vocals) – Matthew Followill (lead guitar, backing vocals) – Nathan Followill (drums, percussion, backing vocals).

Tracklist:

01. When You See Yourself, Are You Far Away
02. The Bandit
03. 100.000 People
04. Stormy Weather
05. A Wave
06. Golden Restless Age
07. Time In Disguise
08. Supermarket
09. Claire & Eddie
10. Echoing
11. Fairy Tale
Links:Sito Ufficiale, Facebook

Album – streaming

Stormy Weather – Video

Ti potrebbe interessare...

cover_vertigo_dasys

Vertigo Days – The Notwist

L’unica certezza è che non abbiamo certezze. Ecco… perchè non prendersi il meglio di questi …

Leave a Reply