Home / Recensioni / Album / American Head – Flaming Lips

American Head – Flaming Lips

the-flaming-lips-american-head_packshot-minGli occhi da cui colano i colori pop art di un acido lisergico forniscono in copertina l’immediata chiave di lettura dell’ultima fatica, la sedicesima in studio, dei Flaming Lips. Quella testa americana, che ricorda pericolosamente il Patriota della serie The Boys e l’armata di folli che ha occupato Capitol Hill, diventa una metafora della società statunitense, attraverso il racconto crudo e commosso di una inguaribile tossicodipendenza, dei suoi stati di alterazione e delle sue allucinazioni, di un progressivo estraniamento dal mondo reale verso rifugi immaginari ed effimeri, ma resi grandiosi dalle suggestioni musicali della band. L’altalena beatlesiana Will You Return / When You Come Down, introduce con cori di pianto e campanelli malinconici l’interrogativo inevaso di chi si muove in bilico sul ciglio del precipizio, abbagliato dalle folgori gommose di una chitarra in fiamme. Così allucinati, Watching the Lightbugs Glow, dal lato oscuro della luna cala un lento vocalizzo per una sola voce, quella di Kacey Musgraves che si lascia alle spalle la  sua solita melodia sdolcinata, affiancando in controcanto sognante Wayne Coyne nelle aperture seventies sognanti di Flowers of Neptune 6. I suoi fraseggi costruiti con avvicendamenti minimali di strumenti soffici e le impennate romantiche del ritornello che gettano un ponte di sbuffi corali verso l’epica orchestrazione glam di Dinosaurs on the Mountain, proiezione in un cielo artificiale della visione di una salvezza primordiale, sconfitta da una rassegnata quanto viva attesa della morte. Una consapevolezza appena sussurrata in At the Movies on Quaaludes, una ballata per piano  che cresce in duetto serrato tra il falsetto di Coyne e un coro mimetico che sorvola raggi laser che annegano, “Forget that we’re alive / As we destroy our brains / Till we believe we’re dead / It’s the American dream“. Ed è una verità che diventa commovente confessione: Mother I’ve Taken LSD “I thought it would set me free / But now I think it’s changed me” e ancora “Now I see the sadness in the world / I’m sorry I didn’t see it before“. Il racconto di un’esperienza scioccante che ha mostrato al protagonista la tristezza del mondo e si manifesta con avvolgenti crescendo e pathos da lacrime fluenti e ardenti. E risale fino all’angoscia del doppio The Wall la  ballata oscura Brother Eye, che si dipana su un tappeto di interferenze sintetiche, travasandosi nella chitarra pulita anni ’50 di You n Me Sellin’ Weed, bizzarria nostalgica e malinconica che cita doo-wop e garage rock come se risuonasse da un vecchio giradischi nascosto in un forziere segreto. E la verità viene rivelata con leggerezza consolatoria, Mother Please Don’t Be Sad, “it’s only me that’s died tonight“, ancora nel segno dei Floyd, come la strumentale When We Die When We’re High, memore del rifacimento dell’intero Dark Side che i Flaming Lips incisero nel 2009 e che qui trasfigurano Any colour you like, trasformandone il groove funky psichedelico in un desolato canto di morte. Requiem seguito da una danza techno, Assassins of Youth, che trova la forza di gridare un dolore dilaniante (“Even when they tell the truth / Another part of you dies“). Kacey Musgraves torna a duettare con Coyne in God and the Policeman, ballata avvolgente di un destino ineluttabile (“If God and the policeman are / Watching over me / They both know what I have done“), che traghetta il protagonista del concept verso un mantra universale d’amore: My Religion Is You,

Credits

Label: Warner / Bella Union – 2020

Line-up: Wayne Coyne (lead vocals, guitars, keyboards, theremin, backing vocals) – Michael Ivins (bass, keyboards, backing vocals) – Steven Drozd (guitars, keyboards, bass, drums, backing and lead vocals) – Derek Brown (guitars, keyboards, percussion, backing vocals) – Jake Ingalls (keyboards, guitars) – Matt Duckworth Kirksey (drums, percussion, keyboards, backing vocals) – Nick Ley (percussion, drums, samples) – Kacey Musgraves (additional vocals) – Micah Nelson (additional vocals, additional guitar)

Tracklist:

  1. Will You Return / When You Come Down
  2. Watching the Lightbugs Glow
  3. Flowers of Neptune 6
  4. Dinosaurs on the Mountain
  5. At the Movies on Quaaludes
  6. Mother I’ve Taken LSD
  7. Brother Eye
  8. You n Me Sellin’ Weed
  9. Mother Please Don’t Be Sad
  10. When We Die When We’re High
  11. Assassins of Youth
  12. God and the Policeman (featuring Kacey Musgraves)
  13. My Religion Is You

Link: Sito Ufficiale Facebook

Ti potrebbe interessare...

McCartney-III

III – Paul McCartney

Passano gli anni, i decenni, ma la voglia di fare di Paul non rallenta mai. …

Leave a Reply