Home / Recensioni / Album / Paracusie notturne – Lennard Rubra

Paracusie notturne – Lennard Rubra

Lennard Rubra - Paracusie - CopertinaSeguito a una serie di singoli ed EP snocciolati a partire dallo scorso maggio, Paracusie Notturne è il primo, sia pur breve, album del polistrumentista Lennard Rubra, animato dall’ambizioso progetto di andare oltre il concetto di canzone. L’archetipo di Artemide è l’archetipo di Lennard, una chitarra pulita e affilata a metà strada tra il Fripp esordiente di Cheerful insanity e la psichedelia acida dei Pink Floyd di Barrett, che trova in Italia un illustre predecessore nei Jennifer Gentle. Con quella chitarra dagli arpeggi obliqui e sincopati Rubra osserva il mondo da un’ampolla di vetro, riempita dal gas allucinogeno emesso dalla sua voce inquietante che crea vortici e nuvole contro le pareti curve. Ed è un mondo deforme, indecifrabile, quello che si scorge tra disturbi uditivi, le Paracusie, fraseggi glissati, loop ossessivi e paranoie che nascondono una Perla verde. Visionario e bizzarro, un parto travagliato diventa occasione di un racconto epico: L’odissea della tua ossitocina. Giusta cesura strumentale De columnis Herculis scioglie l’acido lisergico nel ritmo della new wave. A suo modo Vulvapop è una canzone romantica, trasfigurazione di una melodia beat nostrana, forse memore di una ascendenza carioca, mentre il legame sorprendente con la sua città, Riccione, è affermato con distaccata ironia tra le trame indie di Aquafan. Ma l’ossessione compulsiva costringe l’autore a tornare sulla pista battuta, soffre di Anancasmi e si avvita su sé stesso con lucida consapevolezza, perché sono ‘impervie le strade che portano altrove‘.

Credits

Label: LFA 27 Zeitgeber – 2018

Line-up: Lennard Rubra; Track 5 and Track 8_ drums played by Nicolò D’Ercolì

Tracklist:

  1. L’archetipo di Artemide
  2. Paracusie
  3. Perla verde
  4. L’odissea della tua ossitocina
  5. De columnis Herculis
  6. Vulvapop
  7. Aquafan
  8. Anancasmi


Link: Facebook

Ti potrebbe interessare...

cover

Beneath the Looming Blanket – Giobbe

Il nostro Bel Paese è ancora capace di bellezza. Solo che non la vediamo, in …

Leave a Reply