Home / Recensioni / Album / Spirit – Depeche Mode

Spirit – Depeche Mode

depeche-mode-spirit“Dov’è la rivoluzione?”, chiede il ritornello del primo singolo estratto Where’s the Revolution da Spirit, quattrordicesimo album in studio dei Depeche Mode. La decadenza umana che stiamo vivendo non poteva essere raccontata in modo migliore se non attraverso l’oscuro synth-rock della band originaria di Basildon. Mentre Where’s the Revolution è una canzone che incita e critica lo stato d’immobilità e afasia sociale, Going Backwards apre alla riflessione sulla disumanità che abbiamo raggiunto, sulla perdità di memoria storica, sul ritorno al Medioevo. Tanta tecnologia per tornare indietro. Abbiamo così tanto tempo libero che possiamo pensare The Worst Crime, quello di essere i peggiori lettori che si bevono leader ignoranti e cieca disinformazione. In questo flusso infernale delle nostre misere vite non resta che aggrapparsi all’ amore, quello Ethernal cantato dalla sempre toccante voce di Martin L. Gore o quello rassicurante dell’intensa Cover me, interpretata magistralmente da Dave Gahan. Tutta l’ira che si cela nella maggior parte dei brani del disco sfocia in So Much Love, dove emerge l’anima dei Depeche Mode più indemoniati. Dal punto di vista del sound è un ritorno alle origini, ai dischi anni ottanta, quelli tra Construction Time Again e Violator per intenderci. In un periodo di gran ritorno del suono basato sullo uso del synth, Spirit dimostra ancora una volta che i Depeche Mode non sono a caso la band più longeva di questo tipo di rock. Spirit è un album da non perdere, perchè parla di noi, di quello che stiamo vivendo e cerca di salvarci, ci indica una strada, quella della rivoluzione. Siamo ancora in tempo in nome dell’amore.

Credits

Label: Columbia – 2017

Line-up: Dave Gahan (voce) – Martin L. Gore (chitarra, tastiera, sintetizzatore, cori, voce) – Andy Fletcher (tastiera, sintetizzatore, cori).

Tracklist:

01. Going Backwards
02. Where’s The Revolution
03. The Worst Crime
04. Scum
05. You Move
06. Cover Me
07. Eternal
08. Poison Heart
09. So Much Love
10. Poorman
11. No More (This Is The Last Time)
12. Fail
Link: Sito Ufficiale.

Album – streaming

Where’s The Revolution – video

Ti potrebbe interessare...

algiers-underside

The underside of power – Algiers

Dopo la Brexit e Trump, dopo gli effetti devastanti della post-verità, la musica di oggi …

Leave a Reply