Home / Recensioni / Album / S/T – Omosumo

S/T – Omosumo

omosumo_stAlla seconda prova il trio palermitano si esalta e colora di mantra la sua elettronica. Dimenticate gli spasmi etnici e afrobeat dell’album d’esordio, siamo davanti ad una latente atmosfera psichedelica che ammanta tutti i brani di questo album omonimo. Se gli Omosumo cantassero in inglese forse uscirebbero per la Domino Records e farebbero i tour con i Grizzly Bear e gli Animal Collective. C’è qualcosa che li distingue rispetto a questi gruppi americani ed è proprio la poeticità della lingua italiana che su binari di coralità amplifica il potere evocativo delle loro trame sintetiche. I testi sono onirici, surreali al punto giusto. Tra In Cielo Come Gli Angeli e Sui Tramonti Di Seth si può facilmente saltare da intuizioni alla Radiohead a quelle che hanno avuto  Kyle Dixon e Michael Stein per la colonna sonora di Stranger things. Insomma gli Omosumo si consacrano alla grande con questo secondo disco e possono di diritto entrare nella nuova scena cantautorale elettronica di questi giorni. Il loro secondo disco è veramente un bel viaggio. Dalla Sicilia con elettronica di furore.

Credits

Label: Malintenti Dischi – 2016

Line-up: Angelo Sicurella (voce, drum machine, synth), Roberto Cammarata (chitarra, synth), Antonio Di Martino (basso).

Tracklist:

1. Madre blu
2. In cielo come gli angeli
3. Un po’ di te
4. Poco prima di andare
5. Sei rintocchi di campane
6. Tornerà la polvere
7. Forse no
8. Sui tramonti di Seth
9. Sulle rive dell’est
Links:Sito Ufficiale.

Album – streaming

Sui tramonti di Seth – Video

Ti potrebbe interessare...

Francesco Forni - Una sceneggiata

Una sceneggiata – Francesco Forni

Il concept solista di Francesco Forni mette in sequenza ordinata le musiche originali composte per lo spettacolo teatrale …

Leave a Reply