Home / Recensioni / Album / Why are you ok – Band of Horses

Why are you ok – Band of Horses

1465499972_00-band_of_horses-why_are_you_ok-web-2016La vita ci assorbe, ci prosciuga con i suoi ritmi ma bastano pochi istanti di spensieratezza come quelli che anticipano la corsa prima di un tuffo in spiaggia per pompare linfa vitale nelle vene. Ecco, questo tipo di gioia che si cela nelle piccole cose, nei momenti quotidiani di una famiglia numerosa come quella di Ben Bridwell, è il perno tematico di questo quinto album dei Band of Horses. La band di Seattle non perde quella sua attitudine surf-rock alla Beach Boys ma a questo giro distilla melodie originali intarsiate su chitarre folk che a tratti schizzano di rock noise anni novanta. Nessuna traccia del disco è trascurabile. Si passa da canzoni impetuose alla New Order come Casual Party a delicate ballads sul piacere del ritorno a casa dopo un lungo tour come Whatever, Wherever. In Country Teen c’è lo spirito dei migliori Eagles. Dull times / The Moon piacerebbe molto a David Gilmour, con quella sua partenza rarefatta e onirica per poi sfociare in quel fragore interiore. Per essere stato registrato nello studio casalingo di Ben Bridwell, Why are you ok è un piccolo capolavoro d’ispirazione e talento. Ha la magia e la bellezza di quelle vecchie foto Polaroid, dove la luce è riuscita a intrappolare emozioni al di là del tempo e dello spazio.

Credits

Label: Interscope – 2016

Line-up: Ben Bridwell – Ryan Monroe – Tyler Ramsey – Bill Reynolds – Creighton Barrett

Tracklist:

01 Dull Times/The Moon
02 Solemn Oath
03 Hag
04 Casual Party
05 In A Drawer
06 Hold On Gimme A Sec
07 Lying Under Oak
08 Throw My Mess
09 Whatever, Wherever
10 Country Teen
11 Barrel House
12 Even Still
Link: Sito Ufficiale, Facebook

Why are you ok – streaming

Casual Party – video

Ti potrebbe interessare...

Maria-Pia-De-Vito-Dreamers_900

Dreamers – Maria Pia De Vito

A quattro anni dal gustoso progetto Lazy songs, che oltre al fidato Enzo Pietropaoli al contrabasso …

Leave a Reply