Home / Recensioni / Album / The family – Joseph Arthur

The family – Joseph Arthur

the_family_JAOgnuno di noi si porta dietro le proprie radici e storie familiari. Queste storie scorrono nelle nostre vene e molto spesso condizionano le nostre strade di vita. Ogni famiglia ha la sua epopea, la sua tragedia, il suo percorso influenzato dal fiume della grande storia. Tutto questo è oggetto del quattordicesimo disco del songwriter americano Joseph Arthur. Il primo scritto suonando un piano centenario Steinway, appartenuto ad una sola famiglia, che sicuramente ha ispirato non poco il concept dell’album. Siamo davanti ad un grande talento musicale che su queste tessiture armoniche di piano riesce a fondere attitudine folk-rock con espressività pyscho-pop, intingendo il tutto di un intenso mood soul. Ogni brano è carico emotivamente. Colpisce la capacità di far viaggiare in maniera perfetta pianoforte, loop di batteria e synth regalando atmosfere melodiche senza tempo. Brani favolosi sono They Call Him Lightening, When I Look At You, Wishing Well. Ci sono poi brani che rappresentano un po’ tutto il disco sia a livello testuale che musicale come Machines Of War, quel rapporto d’amore e odio che abbiamo con il nido familiare. Si respirano i migliori R.E.M., lo Springsteen più intimo. E’ un disco sincero, in cui ognuno di noi si può ritrovare. Un modo classico di intendere il rock che però non risulta mai datato, grande sapienza nel lucidarlo con arrangiamenti in chiave moderna. Godibilissimo!

Credits

Label: Real World Records – 2016

Line-up: Joseph Arthur(voce, chitarra, piano, elettronica).

Tracklist:

1. The Family
2. Sister Dawn
3. With Your Life
4. They Called Him Lightning
5. When I Look at You
6. Wishing Well
7. Machines of War
8. Ethel Was Born
9. You Wear Me Out
10.Hold On Jerry
11.You Keep Hanging On
12.The Flag
13.Daddy, The War Machine

Link: Sito Ufficiale, Facebook

The Family – streaming

Machines of War – video

Ti potrebbe interessare...

Maria-Pia-De-Vito-Dreamers_900

Dreamers – Maria Pia De Vito

A quattro anni dal gustoso progetto Lazy songs, che oltre al fidato Enzo Pietropaoli al contrabasso …

Leave a Reply