Home / Recensioni / Album / s/t – Todo Modo

s/t – Todo Modo

recensione_TodoModo-IMG_201510Dall’unione di Giorgio Prette, ex batterista degli Afterhours, il cantautore Paolo Saporiti e Xabier Iriondo, chitarrista e polistrumentista degli Afterhours, nasce il progetto Todo Modo. Un esordio fissato per il 16 Ottobre e firmato dall’etichetta Goodfellas Records.
Una spina noise rock con un nome, Todo Modo, ispirato al romanzo di Sciascia e al film di Elio Petri degli anni Settanta. Spigoloso e ruvido, il disco è una di quelle interessanti novità che ogni tanto accadono nel panorama musicale: un’esplosione di libertà d’espressione fortemente voluta dai tre. Paolo, Xabier e Iriondo vengono da esperienze musicali diverse ma riescono a trasformare la loro energia creativa in un flusso unico capace di scatenare un corto circuito sonoro. Veloce ed ermetico, Todo Modo è aperto da Soffocare, primo brano estratto e che rappresenta al meglio la sostanza del disco. “Io non ho deciso”: rumorismi ed echi ripetuti di voci che a stento rimangono a galla. Togli le mani da lei avanza difese di un’idea, forse, o di un’ideale, di un’indignazione qualunque in un qualunque punto del tempo mentre una chitarra delicata muta, cambia pelle e si fa elettrica, disperata. Un paese, l’Italia, strizzato fino alle ossa, quelle che reggono lo stato delle cose attuali. “Colpa e senso di impotenza/ voglio penitenza” si grida ne La via tra le fiamme di chitarre che lanciano i loro monologhi. Fino a trovare l’amore, vivo, sempiterno, Il mio amore per te è così inneggiato e scandito da una batteria a scroscio, che talvolta arriva sincopata. La pancia di Milano è una scheggia che nella velocità accumula immagini in bianco e nero. E infine c’è L’Attentato da affrontare: l’unico pezzo lento, le chitarre carezzano lievi le parole che descrivono una bambina in fuga dal destino di “cattive madri” custodi di eredità non volute. Il disco si chiude in un climax che sfocia in un coro di distorsioni immaginifiche che lasciano in bilico tra il torpore cancerogeno dell’immobilità e lo slancio del ribaltamento degli esiti.
Un disco di concetto articolato in un ruggito sonoro dall’eco chiara e forte.

Credits

Label: Goodfellas Records – 2015

Line-up: Paolo Saporiti (voce), Xabier Iriondo (chitarra), Giorgio Prette (batteria)

Tracklist:

  1. Soffocare
  2. Togli le mani da lei
  3. Come fossi Dio
  4. La via
  5. La pancia di Milano
  6. Alle volte
  7. Puttane e miele
  8. Il mio amore per te
  9. L’attentato

Link: facebook

Todo Modo – streaming

 

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply