Home / Recensioni / Album / The best day – Thurston Moore

The best day – Thurston Moore

recensione_ThurstoneMoore-Thebestday_IMG_201411C’è il rischio concreto che un album firmato Thurston Moore con Steve Shelley alla batteria suoni come un mezzo disco dei Sonic Youth. Del resto è una questione di chimica e Moore non può certo cancellare un passato tanto ingombrante quanto basilare per chiunque si avvicini soltanto al termine “alternative rock”.
Moore, dopo il divorzio (è il caso di dirlo) della storica formazione newyorkese, ha dimostrato una certa poliedricità sia nel maneggiare il folk minimale con Demolished Thoughts che spingendo nuovamente sulle disarmonie elettriche con il progetto Chelsea Light Moving.
Questo nuovo lavoro è sfacciatamente Sonic Youth, ma, come nel caso degli album solisti di Thom Yorke, è probabilmente più una questione di identità che di pigrizia.
Chi conosce e ama i Sonic Youth si sentirà subito a casa nell’incipit di Speak to the wild e nella seguente Forevermore fino alla title track The best day. C’è qualcosa che ricorda la celebre Sugar Kane e che rende il tutto molto familiare ed accogliente: mancano solo le incursioni della chitarra di Ranaldo e la voce spezzata della signora Gordon.
Dunque niente di particolarmente rivoluzionario, anche se Tape riprende alcuni spunti folk che vengono ben contaminati dall’andamento ossessivo del chitarrismo di Moore e lo strumentale Grace Lake promette una buona evoluzione sul piano live.
Detto questo, è innegabile che The best day sarebbe stato un buon disco anche sotto la sigla Sonic Youth, e non è poca cosa. L’incedere per chiaroscuri, i riff bidimensionali che si incollano al cantato ipnotico di Moore, le strutture cangianti dei brani e le digressioni chitarristiche in bilico fra dissonanza e pacificazione.
In questa nuova incarnazione “sonica” troviamo forse più mestiere che ispirazione. Si tratta però di un mestiere prezioso che ben pochi sarebbero in grado di svolgere a questi livelli.

Credits

Label: Matador – 2014

Line-up: Thurston Moore (voce,chitarra), James Sedwards (chitarra), Debbie Googe (basso), Steve Shelley (batteria)

Tracklist:

  1. Speak to the Wild
  2. Forevermore
  3. Tape
  4. The Best Day
  5. Detonation
  6. Vocabularies
  7. Underground
  8. Grace Lake
  9. Germs Burn

Link: Facebook

The best day – streaming

Speak to the wild – video

Ti potrebbe interessare...

MartaDelGrandi Selva

Selva – Marta Del Grandi

Affila le sue armi Marta Del Grandi, due anni dopo l’esordio Until We Fossilize, scommettendo sulla …

Leave a Reply