Home / Recensioni / Album / Magnolia – The Pineapple Thief

Magnolia – The Pineapple Thief

tpt_magnoliaAlla fine di tutto c’è una melodia breve ed intensa. Questa è la conclusione a cui è giunto Bruce Soord, il cantautore, chitarrista e leader dei Pineapple thief. L’evoluzione del sound di questa band inglese era inevitabile, l’abbandono completo degli stilemi progressive classici è stato un processo costante iniziato da Someone Here Is Missing e proseguito in All The Wars, sino a manifestarsi in tutte le sue sfumature pop-rock in questo ultimo lavoro Magnolia. Di sicuro ha giocato un ruolo importante anche l’esperienza parallela di Bruce Soord con Jonas Renkse nel side-project Wisdom of Crowds. Magnolia è un disco denso di particolari sonori, un flusso cinematico, dove la melodia vocale è sempre centrale intorno ad arrangiamenti d’archi e accenti di elettronica sublimi. Ed è cosi che ci si imbatterà in ballate che tolgono il fiato come Season past, Coming Home, Don’t tell me e la title-track. C’è spazio anche per brani dove l’impeto rock sfonda gli argini di una latente linea  pop sempre presente come in Simple as that, Alone at sea, The one you left to die e Breathe.  I Pineapple thief potrebbero essere definiti come dei nuovi Muse con l’attitudine di Steven Wilson. Una magnifica svolta!

Credits

Label: Kscope – 2014

Line-up: Bruce Soord (guitars/lead vocals) – Jon Sykes (bass/backing vocals) – Keith Harrison (drums) – Steve Kitch (keyboards).

Tracklist:

01. Simple As That
02. Alone at Sea
03. Don’t Tell Me
04. Magnolia
05. Seasons Past
06. Coming Home
07. The One You Left to Die
08. Breathe
09. From Me
10. Sense of Fear
11. A Loneliness
12. Bond

Links:Sito Ufficiale, Facebook

Magnolia – Preview

Suggestions

Ti potrebbe interessare...

Kaitlyn Aurelia Smith - The Mosaic Of Transformation

The Mosaic Of Transformation – Kaitlyn Aurelia Smith

“Questa musica è bella perché mi rilassa” è probabilmente uno dei commenti che trovo più …

Leave a Reply