Home / Recensioni / Album / Blue Record – Barbagallo

Blue Record – Barbagallo

Carlo Barbagallo è un musicista e compositore siciliano, ingegnere del suono e produttore artistico. Già noto e molto apprezzato nel panorama indipendente sia come solista sia per i suoi progetti paralleli tra i quali Suzanne’ Silver, Albanopower e La Moncada. Nel marzo scorso presenta il suo ultimo lavoro dal titolo Blue Record in onore dello studio di registrazione presso il quale collabora e luogo di produzione del disco stesso. Blue Record si compone di otto tracce, precisamente sette inediti ed una cover di Neil Young. Si tratta di pezzi per lo più strumentali che mettono in evidenza (oggi come in passato) il piglio creativo e la bravura dell’artista, nonché la capacità di spaziare tra più generi, come il blues, il jazz, l’ambient e il post-rock. L’apertura del disco è affidata alla psichedelica Soulself con i suoi ritmi irregolari e dirompenti, seguita dalle atmosfere da film Western di Radion, dove le acque si chetano leggermente e al continuo intreccio di batteria, basso e chitarra si interpongono le bucoliche note del vibrafono. Si arricchisce, rispetto all’originale, di un’ampia sezione di fiati e percussioni tribali la personale interpretazione di For The Turnstiles di Neil Young. Una versione di tutto rispetto quella di Barbagallo, che presenta però una piccola pecca negli eccessivi effetti elettronici sul finale del pezzo. Atmosfere più cupe sono quelle che caratterizzano In My Better Cup e Rats & Mosquitoes; quest’ultima, in particolare, si insinua come un tarlo nella mente a causa dei fastidiosi ultrasuoni prodotti dal repellente per ratti e zanzare. L’album si chiude con Rainbow, un brano più tradizionale e malinconico costituito dalla sola chitarra e voce. Ancora una volta, con Blue Record e la sua musica, Carlo Barbagallo regala all’ascoltatore un disco accattivante e godibile dal primo all’ultimo pezzo, assieme alla possibilità di esplorare territori musicali un po’ più insoliti rispetto a quelli a cui si è abituati.

Credits

Label: Noja Recordings – 2013

Line-up:Carlo Barbagallo (voce, chitarra, basso, synth, ecc) – Ettore – Matteo – Lucia – Luca – Frank – Manuel Volpe – the Doc e altri

Tracklist:

  1. SoulSelf
  2. Radion
  3. For The Turnstiles (Neil Young Cover)
  4. In My Better Cup
  5. Rats & Mosquitoes
  6. Hiss Of Hush
  7. Jewish
  8. Rainbow

Link: BandCamp, Facebook

Ti potrebbe interessare...

recensione_ju-summa_IMG_201705

Summa – Jü

Molti la definiscono una band noise-punk, ma a loro in realtà non piace essere etichettati …

Leave a Reply