Home / Recensioni / Album / s/t – Petrina

s/t – Petrina

Distorsioni elettroniche di pezzi fusion (Little Fish From The Sy), circolari movimenti rock (Princess), ipnosi ed esplosioni (Sky-Stripes in August), marce caposseliane (I fuochi d’artificio). Ogni classificazione è inutile. Petrina, eclettica artista padovana conosciuta anche a livello internazionale, sperimenta con la sua voce nitida ed ariosa, intonatissima. Il livello è quello delle cantanti italiane meno scontate come Petra Magoni a cui la accomuna una certa ironia. È difficile rintracciare un filo rosso nei testi spesso surreali, molto più piacevole seguire gli spostamenti delle prospettive musicali in questo album variegato e di alta fattura sonora. Petrina ha scritto tutto, dai testi alle musiche, agli arrangiamenti ed ha curato la produzione artistica ed esecutiva. In questo lavoro polifonico e dalle situazioni zappiane, che vede anche la partecipazione di John Parish (Princess) e di David Byrne (Lina), colpisce proprio la limpidezza del suo pianoforte di formazione classico-contemporanea. Petrina potrebbe essere paragonato a quel genere di romanzo che non conclude, perché vede nel molteplice e nella sua esplorazione l’unico modo di conoscere.

Credits

Label: Ala Bianca – 2013

Line-up: Petrina con la partecipazione di John Parish e David Byrne

Tracklist:

  1. Little Fish from the Sky
  2. The Invisible Circus
  3. Princess
  4. Niente dei Ricci
  5. Sky-Stripes in August
  6. Denti
  7. I Fuochi d’Artificio
  8. Vita da Cani
  9. Dog in Space
  10. Lina

Links:Facebook

Ti potrebbe interessare...

COVER_DISAMORE

(dis)amore – Perturbazione

Non è mai facile raccontare la parabola che disegna il mischiarsi il cuore, l’attimo e …

Leave a Reply