Home / Recensioni / Album / s/t – La morte

s/t – La morte

Progetto curioso, interessante, dalle diverse chiavi di lettura, a metà tra musica e letteratura. La morte nasce da un’idea di Riccardo Gamondi (Uochi Toki) e Giovanni Succi (Bachi da pietra), una serie di letture di brani della letteratura nazionale e internazionale dal Medioevo ai giorni nostri, con un solo testo in versi. Tutto ruota attorno a un tema che ci viene propinato ogni giorno nei modi più diversi ma su cui si riflette sempre poco: la fine della vita. È un evento naturale, che prima o poi toccherà a ognuno di noi. È un evento che tutti vivremo, ma è anche l’unico di fronte al quale siamo davvero soli, è l’unica esperienza che non possiamo raccontare, solo immaginare. E allora proviamo ad ascoltare le immaginarie esperienze che della morte ci lasciano personaggi che la vita l’hanno vissuta solo sulla carta e a cui siamo noi a dare vita ogni volta che li leggiamo. Personaggi immortali che raccontano l’incontro con la morte. Ogni lettura viene accompagnata dalla musica. Distorsioni elettroniche, campionamenti che ben supportano la voce cavernosa e scura di Giovanni Succi.
I brani letti non vengono anticipati in alcun modo e non vi dirò nulla. Non è un crudele gioco intellettuale, ma non sapere cosa si andrà ad ascoltare ti libera da qualsiasi preconcetto, ti dispone maggiormente all’ascolto e magari ti fa riscoprire cose che i banchi di scuola ti hanno fatto odiare. In qualche modo è come se non stessi ascoltando una lettura, ma un’esperienza reale, vissuta. Come se quei personaggi prendessero vita, nel momento della morte.
C’è rabbia, solitudine, disperazione, un’estrema voglia di sopravvivere.
Il tema della morte non è facile da affrontare… E forse nell’enfatizzarlo con alcuni particolari come l’uscita dell’album prevista per il 2 novembre, il nome dell’etichetta (Anemic Dracula), Succi e Gamondi hanno cercato un modo per ironizzare e sdrammatizzare il tutto.
Il disco uscirà tra pochi giorni, in 300 copie vergate a mano; 30 copertine diverse, di Veronica Azzinar.
Buon ascolto.

Credits

Label: Anemic Dracula & Corpoc – 2012

Line-up: Riccardo Gamondi (suoni) – Giovanni Succi (lettere – antologia, voci) – Teresa Tondolo (violino) – Viola Mattioni (violoncello) – Lucio Corenzi (contrabbasso)(batteria)

Links:Sito ufficiale, Facebook

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply