Home / Recensioni / EP/Self Released / Dr. Hyde e Dr. Hyde – Andrea Salini

Dr. Hyde e Dr. Hyde – Andrea Salini

“Cercando quella nota stellare sospesa in aria, tra il mare e l’altezza delle mie montagne”. Non ha selciato la strada percorsa da Andrea Salini nel suo primo lavoro Mr.Hyde e Mr.Hyde, ha piuttosto un cielo stellato come grande mantello di buon auspicio. Minimali e d’inchiostro l’immagine ed il progetto grafico: disegni di Marco Cardone. Salini è nato nel 1977 a Roma ma vive a Petrella Salto (RI). Ha dalla sua diverse esperienze con gruppi locali, come i Barricada 22 e i Meteorea, vari concerti rock live. Ha partecipato, nel 2009, alla prima europea di A secret Rose di Rhys Chatham, concerto per 100 chitarre elettriche all’Auditorium Parco della Musica a Roma. Nel 2010 vede la luce la sua opera rock. Una solitaria opera rock che esordisce con Canzone per il Lupo: chitarra e testo con una poetica che si fanno bandiera per i sognatori. Natura, libertà, fuga. Ci si inoltra nel bosco di versi musicati. Insorge un rock’n’roll in perfetto stile Gang, band folk rock marchigiana, in Made in Mexico. Non per nulla Andrea è un loro grande fan, difatti Marino Severini partecipa con  voce e  chitarra alla realizzazione di alcune tracce. Non solo, oltre a lui hanno partecipato anche Sandro Severini alle chitarre, Fabio Verdini ha dato il suo contributo per le tastiere, synth sitar effetti, e Francesco Caporaletti (direttore artistico del progetto) ha suonato, oltre al basso, chitarra acustica, elettrica, slide e ha curato i cori. Un’armonica per Fight After Fight, un incedere lento e malinconico nell’arrangiamento e tra le parole. Un che di orientaleggiante ad aprire Il Porto delle Ombre, poi il ritmo incalza, si intravedono corsari nella tempesta, o meglio nella battaglia. Il tono intimista acquista tinte più forti in Terre Lontane: una ballata senza picchi, eppur necessari, di emozione. Rock’n Roll Dreamer parla da sé. Infine Mamma Roma. Strumentale omaggio a Anna Magnani e Pier Paolo Pasolini.
Ci si è spinti oltre i limiti del reale e quotidiano paesaggio,questo è un lavoro che va ascoltato e riascoltato per distinguere e assorbire le venature di ideali e utopie che ha in sé.

Credits

Label: Autoprodotto – 2010

Line-up: Andrea Salini

Tracklist:

  1. Canzone per il Lupo
  2. Made in Mexico
  3. Fight After Fight
  4. Il Porto delle Ombre
  5. Terre Lontane
  6. Rock’n Roll Dreamer
  7. Mamma Roma

Link: MySpace

Ti potrebbe interessare...

King Hannah

I’m Not Sorry, I Was Just Being Me – King Hannah

Ecco un duo che non ti aspetteresti arrivare da Liverpool, grazie al torrido suono stoner …

Leave a Reply