Home / Recensioni / Album / Berlino, New York, Città del Messico – Stefano Amen

Berlino, New York, Città del Messico – Stefano Amen

Quello di Stefano Amen è un disco libero. Il cantautorato italiano, fondamentale nella storia della musica nostrana, è stato troppo spesso relegato alla dimensione politica (nel senso più partitico del termine), ma i tempi stanno cambiando ed è in questa nuova scena cantautorale che si specchia una società forse, anch’essa, nuova.
Stefano Amen ne è un esempio di brillantezza e capacità. Semplice ed in un certo modo “classico” (attualmente lontano dal più urlante Vasco Brondi o dallo sconvolgente Iosonouncane), il giovane torinese esprime il proprio essere con canzoni immediate ed ironiche. Dietro ad ogni testo di Amen c’è sarcasmo, ilarità e sconforto, in un mix affascinante che diventa unica soluzione con scelte musicali tanto elementari quanto ricercate.
Dall’alcolica Tequila amore mio si dà inizio ad un viaggio rapido e circolare, che offre modo al cantautore di raccontarsi con immagini semplici e distorte. Il mondo attraverso gli occhi di Amen (Berlino, New York, Città del MessicoIncidente in Danimarca), la gente, la società (NessunoCriminali) e l’amore che veste sempre il ruolo nefasto dell’abbandono (QualeTequila amore mio / Tequila Blues).
Da dove si è partiti poi si ritorna, con lo stesso brano che, lungo il viaggio ha accumulato litri di alcool e dispiaceri d’amore, tingendosi quindi di malinconico blues.
Sulle ali di una musica delicata ed avvolgente, i brani scorrono e si fanno apprezzare per la compattezza e la personalità. Stefano Amen ha realizzato un disco che disegna uno stile chiaro e definito intorno alla sua persona, ma chissà se il talento del cantautore riserverà sorprese in futuro?
Per ora c’è un disco interessante, che senza indurci ad urlare ad un nuovo miracolo musicale, ci delizia con una innegabile ed affascinante magia che anche nella copertina trova espressione.

Credits

Label: ControRecords / Ordigno Produzioni – 2010

Line-up: Stefano Amen – Marco Piccirillo (contrabbasso) – Paolo Spaccamonti (chitarra)

Tracklist:

  1. Tequila amore mio
  2. Crack
  3. Quale
  4. Come non detto
  5. Berlino, New York, Città del Messico
  6. Nessuno
  7. Incidente in Danimarca
  8. Criminali
  9. Tequila Blues

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

MartaDelGrandi Selva

Selva – Marta Del Grandi

Affila le sue armi Marta Del Grandi, due anni dopo l’esordio Until We Fossilize, scommettendo sulla …

Leave a Reply