Home / Recensioni / Album / Karmasoda – Gurubanana

Karmasoda – Gurubanana

Le idee sono simili a pesci, se vuoi prendere un pesce piccolo puoi restare nell’acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso devi scendere in acque profonde” (David Lynch). Il mondo dentro e quello fuori, del sé e dell’altro, la luce e certe ombre, il bianco e il nero: siamo abitati da intuizioni, da incubi, da promesse; siamo abitati da un disordine primordiale che è ordine, allucinazione di trasparenza, geometrie, sostanza. Siamo chimica, materia, azione e reazione. Siamo la superficie e il fondale: abbiamo visto, sentito, curato, infranto. E poi lo abbiamo dimenticato. O forse no. Forse siamo solo pesci troppo grossi, forse niente è come sembra, tutto è vero ma pare lo sia sempre e solo per metà. Liza e Dave lo sanno. Marianna e Luisa avrebbero potuto scoprirlo. L’uomo con il fucile fra le mani l’ha intuito. “Everything was cooler / Everything would have been unscheduled” (Unscheduled): tutti gli altri sono semplicemente soli. Lottano, è vero. Lottano voglie, frammenti, derive, apatia. C’è chi lotta una polaroid, un ritorno, la carne. Karmasoda è il loro film, il nostro. Medio metraggio oscuro, ironico, elegante, Karmasoda non è un involucro ma un modus: feroce e raffinato, camaleontico e nudo, indovina il come delle suggestioni e lo traduce in musica che raffigura, riempie, ipotizza, geme. Nove brani di matrice rock, psicotici, solidi, arrangiati e prodotti con dovizia di cure, pop nelle impunture, radioattivi, che attingono ai generi e all’esperienza con l’astuzia delle intelligenze fini, metodiche, capaci di rigenerarsi senza porgere il fianco a semplicismi di sorta. I Gurubanana (al secolo Andrea Fusari e Giovanni Ferrario), al loro secondo lavoro in studio, riescono ancora una volta a dire, a dirsi, senza che le derivazioni, i parallelismi, possano in qualche modo privare il loro progetto artistico dell’identità stilistica che lo distingue. Ambizione ed onestà intellettuale, qui, fanno la differenza. Per tutto il resto: “The night is a light to get close (South of Haparanda) / You cannot rewind the film (Karmasoda) / You can enter any question” (Enter any question

Credits

Label: Shyrec – 2011

Line-up: Andrea Fusari (voice, guitar, ukulele, harp) – Giovanni Ferrario (vocals, instruments, drums, production); con la partecipazione di: Beppe Mondini (drums tracks 1,2,4,5,7,8,9), Davide Mahony ( guitar track 6), Angelo Fontana ( guitar tracks 5,6,8), Andrea Cogno (guitar tracks 1,9), Isabella Mondini (backing vocals track 7), Micaela Belotti (becking vocals track 5), Pierluigi Ballarini (backing vocals track 3). All songs Andrea Fusari except tracks 1,4,5,9 Andrea Fusari / Giovanni Ferrario

Tracklist:

  1. Enter any question
  2. Liza show
  3. Rifles
  4. Unscheduled
  5. Karmasodai
  6. Talking on numbers
  7. Monochrome Elvis
  8. South of Haparanda
  9. Canzone sensuale
  10. B.J. core

Links:MySpace

Liza show – Preview

Ti potrebbe interessare...

Kate NV Room for the moon Instrumentals

Room for the Moon (Instrumentals) – KATE NV

Per lungo tempo la propaganda anti comunista ci ha restituito l’immagine di una galassia sovietica …

Leave a Reply