Home / Recensioni / Album / Rare – Calibro 35

Rare – Calibro 35

I Calibro 35 sono sicuramente una delle realtà più innovative del panorama musicale italiano. Si sono fatti conoscere con il loro sound a metà tra funk, jazz, rock e soul, prendendo un genere, quello delle colonne sonore dei polizieschi anni ‘60, e facendolo totalmente proprio. Il 2010 è stato l’anno di un lungo tour che li ha portati in giro per tutta Italia e oltreoceano, delle collaborazioni a colonne sonore importanti che hanno contribuito a collocarli tra le migliori band, non solo in Italia. Al termine di questo anno magico hanno presentato Rare, un cd contenente brani non presenti sui due album ufficiali. L’album è in vendita da dicembre ai concerti e sul sito della band, dove potrete scaricare gratuitamente cinque brani iscrivendovi alla newsletter e troverete tutte le istruzioni per partecipare alla video competition con cui vincere l’intero cd. Un modo per fare un regalo ai fans e per celebrare una band che nel giro di tre anni ha prodotto così tanto materiale extra da poter assemblare un disco di ben quindici tracce non presenti nei loro due album, di cui tre totalmente inedite.
Rare si apre con Ballando in balera, il primo inedito dell’album. Un brano dove il funk la fa da padrone con un ritmo incalzante e coinvolgente. Appuntamento al Contessa è stato composto per la colonna sonora del nuovo film di Michele Placido dedicato a Renato Vallanzasca (in uscita nelle sale italiane il 21 gennaio, protagonisti Kim Rossi Stuart, Paz Vega, Filippo Timi), dove la band fa una comparsa per suonare il brano in una scena interpretando il complesso di una balera dell’epoca. Trovano posto anche i brani composti per il documentario Eurocrime (di Mike Malloy) e per i film La Banda del Brasiliano (di John Snellinberg). Sempre in tema di colonne sonore, c’è anche Come un romanzo, contenuto nella compilation ispirata al telefilm Romanzo criminale. Fanno parte dell’album anche diversi brani provenienti da registrazioni effettuate in diverse fasi della carriera della band, tra cui L’uomo dagli occhi di ghiaccio, poi pubblicato sulla compilation Il Paese è reale, la cover strumentale de I milanesi ammazzano il sabato degli Afterhours e alcune versioni “alternative” di brani contenuti nei due album della band.
E’ inutile spendere altre parole per i Calibro 35, la loro musica parla da sola e ormai non hanno più bisogno di presentazioni. Se non vi hanno ancora convinto, vi consiglio un buon otorino!

Credits

Label: Autoprodotto – 2010

Line-up: Massimo Martellotta (chitarra) – Enrico Gabrielli (strumenti a fiato, tastiere) – Luca Cavina (basso) – Fabio Rondanini (batteria, percussioni)

Tracklist:

  1. Ballando in balera
  2. Appuntamento al Contessa
  3. E nessuno si farà del male
  4. La polizia (Brasiliana) s’incazza
  5. L’uomo dagli occhi di ghiaccio
  6. Uomini si nasce Calibro si muore
  7. Svolta sul caso D’Amario
  8. Milano New York solo andata
  9. Come un romanzo
  10. La polizia sta a guardare
  11. Trafelato (extended version)
  12. Notte in Bovisa (alternate version)
  13. I milanesi ammazzano il sabato
  14. Si dicono tante cose (alternate version)

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply