Home / Editoriali / Le luci della centrale elettrica @ La Feltrinelli (RM) 17/11/10

Le luci della centrale elettrica @ La Feltrinelli (RM) 17/11/10

Lo scorso 9 novembre è uscito il nuovo album de Le Luci della centrale elettrica dal titolo Per ora noi la chiameremo felicità. Vasco Brondi ha presentato il suo ultimo lavoro in alcuni punti vendita de La Feltrinelli tra cui quello di Roma in Via Appia Nuova. Il 17 novembre più di duecento persone hanno aspettato con trepidazione la sua entrata in scena. Durante l’attesa chi scrive ha avuto modo di ascoltare i racconti di diverse persone. C’è chi racconta di essere stato alla Data Zero dell’11 novembre a Ferrara. C’è chi invece racconta di aver già acquistato i biglietti per la data all’Auditorium di Roma del 29 novembre solo perché non vuole correre il rischio di non riuscire ad entrare. C’è chi viene da fuori Roma e ha macinato chilometri in treno per non perdersi la presentazione. Tanti non vedono l’ora di ascoltare i nuovi brani live, quegli stessi brani in cui sostengono di ascoltare il racconto della propria storia. Ci sono anche coloro che commentano le recensioni del nuovo album, mentre altri lo confrontano con il precedente. La maggior parte delle persone presenti stringe tra le mani qualcosa: c’è chi ha il disco Canzoni da spiaggia deturpata, c’è chi sfoglia il booklet di Per ora noi la chiameremo felicità e chi ha una copia del libro di Vasco Brondi Cosa racconteremo di questi cazzo di anni zero.
Quando Brondi sale sul palco e tutti l’ascoltano in silenzio. Il moderatore dell’evento è Andrea Satta, cantante del gruppo romano Tetes de Bois.  Brondi parla de Le luci della centrale elettrica, di Ferrara e dell’ultimo disco facendo ascoltare anche alcuni brani in acustico tra i quali L’amore ai tempi dei licenziamenti dei metalmeccanici, Quando tornerai dall’estero e Una guerra fredda. Scherza Brondi, infatti per presentare il suo brano Anidride Carbonica afferma: “Questa è una canzone di cui sono molto fiero perché alla fine sono riuscito  a farla su un accordo solo”.
Le luci della centrale elettrica saluta il suo pubblico. In attesa di incontrarlo sotto ad un palco lo lasciamo a firmare autografi.

Ti potrebbe interessare...

Benvegnù intervista

In fuga dalla carovana dei cortigiani, intervista a Paolo Benvegnù

Le conversazioni, quelle belle. Le occasioni commoventi di incontrare, tangendole, le curve perfette della personalità …

Leave a Reply