Home / Recensioni / Album / According to Life – The Carpet Knights

According to Life – The Carpet Knights

tknPermane un grosso, grossissimo gap tra i lavori partoriti dalla rigogliosissima fauna progressive degli anni d’oro del genere e gli attuali vagiti manieristici dei gruppi contemporanei. La stessa distanza che c’è tra il saggio che indica la luna e lo stolto, innamorato perso, che guarda il dito. Il saggio, la sterminata produzione  dei tantissimi gruppi inglesi, olandesi, francesi, italiani e nordici a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, aveva dalla sua una spinta propulsiva inesauribile, innovativa, rivoluzionaria oseremmo dire. Tolta quella spinta alla contaminazione, al coraggio della sperimentazione, alla consapevolezza di un’arte ancora capace di superarsi, oggi non rimane che lo stolto che scimmiotta quelle lezioni di “avanguardia popolare”, senza avere dalla sua nessuna tendenza all’innovazione. Lungi da noi approfondire saggi di antropologia del genere o fare di tutta l’erba contemporanea un solo fascio, né vogliamo convincere che la musica debba per forza essere “innovazione”, ma è difficile a volte prescinderne se si affronta un genere che per definizione è pura innovazione. Chiusa parentesi. I The Carpet Knights sono l’ennesimo gruppo nordico devoto ad uno sterile accanimento terapeutico nei confronti del genere. According to Life è la seconda prova, uscita per la svedese e, a suo modo, prolificissima Transubstans, ed è un lavoro conteso tra divagazioni prog-folk di scuola Jethro Tull (Headcase), verbosità elettriche moderne alla  Porcupine Tree (Without a Past), episodi fusion nervosi e rimandi a questa o a quella band dei tempi che furono (Hawkind e King Crimson su tutti). Un lavoro coeso e monotono, tecnicamente valido, almeno quanto privo di un cuore pulsante. La noia è praticamente dietro l’angolo e, tolto lo sfoggio tecnico e l’esercizio citazionista, rimane poco altro ancora da raccontare ai posteri. Per chi volesse ricercare novità salienti, insomma, consigliamo di esplorare altri lidi lontani dalla nostalgia fine a se stessa.

Credits

Label: Transubstans – 2009

Line-up: Joakim Jönsson aka Jocke (guitar, vocals) – Tobias Wulff aka Tobbe (guitar) – Mattias Ankarbranth (drums, percussion)

Tracklist:

  1. Headcase
  2. Gaze Thru the Days I’ll Hide
  3. Without a Past
  4. Eternal Sleep
  5. Cosmical Mind
  6. Lost
  7. If Soon I Will Be You
  8. Magical Space-Style
  9. Why Am I
  10. Forever Is a Long Time

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

Copertina-A-Toys-Orchestra-Midnight-Again_2

Midnight Again – …A Toys Orchestra

Siamo intrappolati in un’eterna mezzanotte tra quello che siamo stati oggi e quello che vorremmo …

Leave a Reply