Home / Recensioni / Album / Gemini – Stella Diana

Gemini – Stella Diana

stella_diana_geminiRitornano gli Stella Diana dopo l’acclamato disco d’esordio Supporto Colore, di due anni fa. L’attitudine new wave alla Joy Division lascia il posto a quella dei New Order. Gli eterni e Mira sintetizzano questa mutazione alla perfezione. Caulfield è imprevedibile armonia di rumore interiore. Ra è un muro di accelerazione sonora su picchi di melodia istantanea. Gemini è un disco solido ben immerso in una scelta stilistica sapientemente delineata. Un disco maturo in cui la band napoletana pone l’accento sulle sue doti principali: una buona scrittura di liriche esistenziali su tessiture post-punk  Il cantato italiano alla Battiato fornisce un tocco di originalità al loro progetto. Le fragorose impennate di noise (quasi di stampo shoegazing) sottolineano ancora una volta la grande attitudine di questa band verso lidi storici come quelli dei Sonic Youth o My Bloody Valentine.  Avere dei riferimenti di questo tipo può facilmente far cadere in clonazioni di basso profilo ed invece siamo davanti ad un disco che convince in tutto e per tutto. Possiamo sicuramente dire che gli Stella Diana al secondo giro si confermano come una bella realtà dell’underground partenopeo.

Credits

Label: Siete señoritas gritando – 2010

Line-up: Giacomo Salzano (Basso) – Massimo Del Pezzo (batteria) – Raffaele Bocchetti (chitarre) – Dario Torre: chitarra (voce).

Tracklist:

  1. Shohet
  2. Gli Eterni
  3. Mira
  4. Kingdom Hospital
  5. Caufield
  6. Paul Breitner
  7. Ra
  8. Happy Song
  9. Bill Carson

Links: MySpace

Ti potrebbe interessare...

Ceramic Dog

Connection – Ceramic Dog

Ascoltando Battiato cantare di free jazz punk inglese ho sempre pensato che fosse un ossimoro, …

Leave a Reply