Home / Recensioni / Album / Loophole – Elton Junk

Loophole – Elton Junk

cover_loopholeAl quarto album gli Elton Junk ammorbidiscono gli spigoli del precedente intenso Because of terrible tiger. Lasciano in mezzo ad una strada deserta i Jon Spencer Blues Explosion e prendono a bordo i Sonic Youth. Un disco dai mille volti. Atmosfere dilatate con brani quali Al fiume e All Along The Horizon, dove vagamente si inseguono i Calexico. In Ieri Ho Mangiato La Strada gli Elton Junk si vestono forse un po’ di La Crus. Sono undici sapori agrodolci che sorprenderanno i palati fini, ma si tratta di canzoni che forse resteranno nella memoria. Un passo avanti a livello di maturità compositiva rispetto al precedente album, ma la disomogeneità che contraddistingue tutto il lavoro, dalla scelta bilingue del cantato fino agli stili diversi toccati, potrebbe far pensare ad un’opera transitoria della band. Comunque la cifra distintiva degli Elton junk è proprio l’essere in bilico tra generi e quindi possiamo dire che Loophole è il disco per chi si annoia di ascoltare album monocolore.

Credits

Label: Forears – 2010

Line-up: Andrea Tabacco (voce e chitarra) – Alessandro Pace (basso) – Giulio Pedani (batteria).

Tracklist:

  1. Al Fiume
  2. Lost
  3. All Along The Horizon
  4. Loophole
  5. Particular Skills
  6. The Power Of Love
  7. Ieri Ho Mangiato La Strada
  8. Summer
  9. Police Officer
  10. The Beast Called Rock And Roll
  11. Del Miele

Links: MySpace

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply