Home / Recensioni / EP/Self Released / Pop 2.0 – Popucià Band

Pop 2.0 – Popucià Band

popucia_-_20I Popucià (“proprio ciao”) nascono nel 2001 nei dintorni di Cosenza, ma il loro disco d’esordio, Carovana, prenderà forma solo nel 2006. Iniziano ad esibirsi in giro per tutta Italia: Rototom Sunsplash, Rai Demofest, Villaggio Globale, Ritmi Vitali, Enzimi, Circolo degli artisti per la rassegna Kick It!. Sono solo alcuni dei palchi che li hanno visti come protagonisti. L’impegno sociale del gruppo li porta a sostenere l’associazione “Ki+ne ha” a favore del continente africano e a portare il loro hip-hop nel Carcere minorile di Casal dei Marmi. Nel 2008, dopo diversi cambi di formazione, la band pubblica il demo Chi vuole il silenzio. Nel 2009 nasce l’idea per l’album Pop 2.0, un concept composto da sei brani e altrettanti remix realizzati in rete attraverso collaborazioni nate nel web e i suoi social network, basandosi sulla piattaforma 2.0. A giugno la band pubblica in free download il brano Ad occhi chiusi e il dubstep remix realizzato da Knuf. A novembre esce il singolo Crime, accompagnato da un videoclip creato con le immagini della “Lunga Marcia della Memoria”, iniziativa che da due anni l’associazione DaSud Onlus porta avanti ogni estate per ricordare le vittime delle organizzazioni criminali.
Il 25 febbraio 2010 è la data d’uscita dell’album Pop 2.0 e del nuovo singolo She’s Gone, accompagnato da un videoclip curato da Carlo De Domenico per ZibLab. L’album è distribuito da Good fellas e da Believe digital. Muovendosi a tempo di drum & bass, hip hop, dubstep e reagge, i Popucià hanno riunito in un unico album diverse realtà per realizzare un album davvero interessante. “E’ una città che non dorme, è meglio andarsene ora” (She’s gone) è il ritornello incalzante del brano d’apertura di Pop 2.0, un disco che ci racconta dell’amore, dell’odio, della precarietà di una società dove “Senza parole si vive, senza parole si muore, senza sognare e senza pensarci più” (Crime), dove “chi vuole il silenzio può comprarlo” (Chi vuole il silenzio). La musica da ascoltare Ad occhi chiusi, “per riempire il rumore con un’altra canzone“, l’orgoglio per non fermarci anche Quando la mano trema, anche quando “ci sono giorni che non conoscono tregua“, anche quando le parole girano Al contrario e sei “stanco di sognare a tempo determinato“.
I brani di Pop 2.0 sono stati masterizzati al Wolf Studios di Londra, dove hanno già lavorato artisti come Sarah-Jane Morris, Tom Robinson, Siouxsie, Depeche Mode, Lush, Erasure, Morcheeba e Lisa Stansfield.

Credits

Label: Autoprodotto – 2010

Line-up: Pasquale Grosso (parole, voce, programmazioni) – Giovanni Cutrera (basso, arrangiamenti) – Fabio Giovannoli (batteria) – Salvo Zappalà (tastiere, synth) – Alessandro De Fazi (chitarre)

Tracklist:

  1. She’s gone
  2. Crime
  3. Ad occhi chiusi
  4. Quando la mano trema
  5. Chi vuole il silenzio
  6. Al contrario
  7. Al contrario (Pornophonix rmx)
  8. Chi vuole il silenzio (Tuzzi rmx)
  9. Quando la mano trema (Z-side rmx)
  10. Ad occhi chiusi (Knuf rmx)
  11. Crime (DubGun rmx)
  12. She’s gone (DubGun rmx)

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

MartaDelGrandi Selva

Selva – Marta Del Grandi

Affila le sue armi Marta Del Grandi, due anni dopo l’esordio Until We Fossilize, scommettendo sulla …

Leave a Reply