Home / Recensioni / Album / Romancing the bone – Betzy

Romancing the bone – Betzy

betzyLa storia comincia quattro anni fa a New York, quando Fabio Cussigh, friulano d’origine e adottato dalla Grande Mela, inizia a scrivere un diario. Il protagonista e narratore è Frank McKlusky, giovane che vive il sogno americano a modo suo, sbarcando il lunario in qualche modo ed infilandosi in tresche e situazioni peccaminose. Da questo quaderno, che prenderà il nome di Betzy, si sviluppano le storie che al ritorno da NY, grazie all’intervento di Ru Catania, divengono canzoni e vanno a comporre Romancing the bone.
In questo disco c’è l’America raccontata attraverso il blues, c’è una chitarra che suona e accompagna una voce profonda e un po’ roca, lasciando il segno con grande semplicità (Goldfinger). Ci sono atmosfere dense di fumo e racconti visti attraverso il fondo di una bottiglia (Night Jersey), ma anche spunti psichedelici a metà tra Waters e Lennon (Always in the dog house, Suze K). Dal tempo coinvolgente di Just a call, fino all’essenzialità di Don’t shit on my rainbow, un disco davvero piacevole, che recupera atmosfere lontane nello spazio e nel tempo riuscendo però a restituire un suono moderno e non la calda nostalgia di un vecchio vinile. Una delle prime uscite del 2010, quello di Betzy è un esordio davvero interessante, da tenere d’occhio.

Credits

Label: Lady Lovely – 2010

Line-up: Fabio Cussigh (voce, chitarra acistica, organo, ukulele, percussioni) – Ru Catania (chitarra elettrica, chitarra acustica, lap steel guitar, mandolino, synth, basso, percussioni, programmazione)

Tracklist:

  1. Just a call
  2. Shopgirl
  3. Suze K
  4. Goldfinger
  5. Little student
  6. Night Jersey
  7. Always in the dog house
  8. Sisters are better
  9. Gay bar
  10. Mess Around
  11. Don’t shit on my rainbow

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

20171123_121405 (4)

Drops – Milorad

“I ricordi battono dentro di me come un secondo cuore” (John Banville). Gocce di note. …

Leave a Reply