Home / Recensioni / Album / Aprile – Controluce

Aprile – Controluce

controluceNella parola la primavera e nell’immagine l’autunno: così si presenta l’album d’esordio dei Controluce, Aprile, come a lasciar presagire, sin dalla copertina, che non bisogna fermarsi al livello più superficiale. Le nove tracce del disco suonano come un caleidoscopio musicale: i Controluce sembrano aver fagocitato le ispirazioni più diverse che la musica offre per riproporle in modo elegante nella loro opera. Un disco leggero e discreto, che si prende l’attenzione dell’ascoltatore con gran delicatezza, tra note suadenti e la bella voce di Simona Rotolo. Un album che coniuga la leggerezza della musica pop con la ricerca e la cura della canzone d’autore. Dentro potrete ritrovarci rimandi differenti: pur senza eguagliarne l’arguzia dei testi, si gioca con le melodie svolazzanti di Max Gazzé, e poi si strizza l’occhio ai Beatles (alzi la mano chi non risente Strawberry fields forever nelle prime note di Natura instabile) e si insegue persino l’eleganza inarrivabile dei Perturbazione. All’esordio dei Controluce non basta un ascolto. Serve fermarsi e lasciare che si insinui senza fretta. Allora se ne apprezza il tono pacato, si osservano i diversi colori di ogni brano. Testi semplici e chiari, diretti senza mai essere chiassosi, e arrangiamenti molto curati, permettono ai Controluce di raggiungere momenti estremamente interessanti: brillano particolarmente Ego, che gode dell’arrangiamento sapiente di Lele Battista, e la rarefatta Nell’oscurità, dai toni cupi e avvolgenti. C’è spazio anche per Rosso, singolo di lancio decisamente più luminoso, così come per Argento, un reading dalla vocazione sperimentale.
Insomma, i Controluce si presentano con un’opera autunnale ma non necessariamente malinconica, ben sospesa tra i suoi momenti scuri e le risalite luminose. Sinceramente ineccepibile la produzione di Lele Battista, che uniforma il tutto in un insieme suggestivo. Come opera prima, Aprile si classifica davvero bene, merita l’ascolto.

Credits

Label: Novunque – 2009

Line-up: Simona Rotolo – Miky Marrocco

Tracklist:

  1. Natura instabile
  2. Mr. Loneliness
  3. Nell’oscurità
  4. Rosso
  5. L’indifferente
  6. Ego
  7. Argento
  8. Occhi di cristallo
  9. Fotosintesi

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

JamesAndTheButcher_PlasticFantastic

Plastic Fantastic – James and the Butcher

Ci sono molti modi per esprimere l’oscurità ed i vortici interiori del proprio Io. Uno …

Leave a Reply