Home / Recensioni / Album / You Deserve Panic – JTR Sickert

You Deserve Panic – JTR Sickert

jtr-sickert-2A volte il punto di vista dei cosiddetti “cattivi”, per quanto sconvolgente possa apparire, risulta decisamente interessante. E’ probabilmente quel che pensano i modenesi JTR Sickert, che oltre dedicarci il nome (JTR sta per Jack The Ripper), sembrano riassumere tutto il pensiero di Jack lo Squartatore in un’unica frase cristallina: “You Deserve Panic!”, che poi diventa anche il titolo del loro album d’esordio. Sposano poi la tesi della scrittrice americana Patricia Cornwell secondo la quale la vera identità del serial killer delle prostitute di Whitechapel si nasconde dietro il nome di Walter Sickert, attore poliedrico, scrittore, pittore rappresentante dell’Impressionismo e personalità dai tratti e dalle frequentazioni fortemente ambigue. I modenesi, all’esordio su full lenght ma già avvezzi a una fitta gavetta live tra Italia ed Europa, scelgono di provare a guardare le cose da un punto di vista insolito, di veicolare le probabili sensazioni oscure e perverse del killer più famoso della storia su un tappeto sonoro massiccio ed impenetrabile. Un sound che abbraccia le basi del metal estremo (vedi Sepultura) per spingersi fino ai suoi limiti in quella che sembra essere piuttosto collaudata oggi, muovendosi tra suggestioni gotiche per strizzare l’occhio anche a certe sonorità dalla pesantezza industrial con un pizzico di elettronica di tanto in tanto che non guasta mai. Così le sensazioni, gli umori, i pensieri più intimi di Jack lo Squartatore si espandono ad una disincantata riflessione più generale sul mondo legandosi ai riff di chitarra sempre imponenti e fragorosi, accompagnati da batteria e basso che rendono un muro sonoro davvero compatto. A volte l’ombra delle tastiere si espande a rendere le atmosfere oscure, di una solennità spaventosa nella sua desolazione (Libertine) o dilata il tutto consentendo la massima espressione di melodia alle voci. I synth elettronici spesso fanno capolino a rendere il tutto più opprimente, spesso aprono i brani all’insegna dell’incertezza prima che i riff di chitarra tornino ad imporsi rigidi su tutto o contornano le parti brevi e d’atmosfera in cui le chitarre calmano i loro ruggiti, i ritmi rallentano, le atmosfere si fanno più riflessive. Le voci alternano le suggestioni, quella maschile si snoda tra un canto pulito e sicuro, narrazione oscura, urla decise che a volte arrivano anche al puro “screaming” trasmettendo rabbia pura e aggressività, mentre quella femminile è sempre molto positiva esaltando tutte le qualità melodiche delle linee vocali e sposando perfettamente il proprio timbro, molto bello e caratteristico, col tappeto sonoro duro e deciso. E’ quando cantano insieme sui ritornelli melodicissimi che il contrasto con la voce maschile che fa la parte del leone mostra risultati davvero coinvolgenti (According to Plan). E’ il connubio perfetto tra Eros e Thanatos. Un lavoro che suona davvero molto bene, in cui spicca la cura per il sound che è sicuramente una delle armi vincenti per questo genere, esaltato anche dalla produzione impeccabile. Lavoro che sa produrre momenti anche molto positivi alternando ed unendo parti corpose e massicce, in cui la tensione cresce al ritmo del sound alle aperture di melodie coinvolgenti (Everything is growing old) e che si configura certamente tra le cose esportabili in toto del nostro paese. La pecca, come troppo spesso accade per questo genere che è anche fin troppo ben definito, è una certa monotonia o uniformità di sound che nella durata complessiva degli undici brani può stancare. Brani che non si differenziano gli uni dagli altri per l’approccio sonoro e che non presentano nemmeno una ballad tra le loro fila o comunque una volontà di variare un po’ le atmosfere.

Credits

Label: Bagana Records – 2009

Line-up: Rez (chitarre, elettronica) – Pohra (batteria) – Claudio Tony Mantovani (basso) – Tizio (voce) – Erika (voce)

Tracklist:

  1. JTR Says
  2. The Birth of 20th Century
  3. Crystal Night
  4. Portrait of a Killer
  5. Libertine
  6. Fire Walk With Me
  7. Everything is Growing Old
  8. According To Plan
  9. Sickert’s Knife
  10. Alone in a Crowd
  11. The Double Event

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

Copertina-A-Toys-Orchestra-Midnight-Again_2

Midnight Again – …A Toys Orchestra

Siamo intrappolati in un’eterna mezzanotte tra quello che siamo stati oggi e quello che vorremmo …

Leave a Reply