Home / Recensioni / EP/Self Released / Conservare in luogo fresco e asciutto – Angelica Lubian

Conservare in luogo fresco e asciutto – Angelica Lubian

Arriva da Udine e si chiama Angelica Lubian, una giovane cantautrice che ha appena pubblicato un album che è una vera delizia per le orecchie. Fin da piccola inizia a suonare il pianoforte e si dà da fare partecipando ai principali concorsi nazionali e prendendo parte a diverse formazioni musicali. Partecipa a diversi contests quali Roxy Bar, Tim-Tour, Motor Show e i suoi pezzi arrivano ad essere trasmessi persino da Radio 1 Rai e Telefriuli. Inizia a farsi conoscere dal vivo esibendosi come supporter per Gianni Morandi, Edoardo Bennato, Biagio Antonacci, Tom Verlaine dei Television e Jimmy Rip. Nell’ultimo anno inizia a portare la propria musica in giro per l’Italia, esibendosi in veste di solista acustica in diversi locali della scena artistica romana e dividendo il palco con artisti quali Roberto Angelini, Pino Marino, Diana Tejera, Barbara Eramo, Filippo Gatti, Marco Fabi, Riccardo e Daniele Sinigallia. Il 24 ottobre 2008 è uscito il suo album di debutto, Conservare in luogo fresco e asciutto: tredici “creaturine sonore“, come lei stessa ama definire le proprie canzoni che affascinano e incantano.
L’album parte con il brano Mercenaria, un pop-rock fresco, che trascina per poi passare alle note spagnoleggianti di Siffatta creatura. Angelica Lubian gioca con le parole, con l’inglese, la sua voce segue le note e ti accompagna dolcemente alla scoperta del suo album. La poliedricità di Angelica è dimostrata anche dalla terza traccia di questo album: Roba reperibile presenta cambi repentini di ritmo, suoni che arrivano quasi a sfiorare lo swing. Non mancano le ballads, come Incredibilmente disarmante, Sconosciuto, Taglia e cuci, Profumo di paglia: brani pieni di malinconia che ti cullano tra un pianoforte, un violino e una chitarra acustica. I testi sembrano voler cercare una via di fuga dall’omologazione, un voler affermare la propria identità perché sarà Metereopatica, “lunatica“, “isterica”, “ma sempre Angelica.” L’album ad ogni ascolto si rivela una bella scoperta ed è davvero delizioso.
La presentazione del disco avverrà venerdì 5 dicembre alle 21.30 a Roma presso Bibli. Seguirà un piccolo tour promozionale in alcuni locali della capitale. Una buona occasione per godere della musica che Angelica Lubian sa regalarci.

Credits

Label: Autoprodotto – 2008

Line-up: Arrangiato e suonato da Angelica Lubian e Simone Sant eccetto Alessio Benedetti (batteria nei brani 1, 3, 5, 8, 9, 12) – Federico Missio (sax alto e soprano traccia 3); Parole e Musiche di Angelica Lubian; Prodotto da Angelica Lubian; Registrato e mixato da Simone Sant presso Entropia Studios Udine

Tracklist:

  1. Mercenaria
  2. Siffatta creatura
  3. Roba deperibile
  4. Incredibilmente disarmante
  5. Metereopatica
  6. Sconosciuto
  7. Taglia e cuci
  8. Schiavi ma felici
  9. Lo spazzolino
  10. Io non mancherò di niente
  11. Mon cher, addio
  12. Mi manchi lo sai?
  13. Profumo di paglia

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

cover

Beneath the Looming Blanket – Giobbe

Il nostro Bel Paese è ancora capace di bellezza. Solo che non la vediamo, in …

Leave a Reply