Home / Recensioni / Hellequin song – Cesare Basile

Hellequin song – Cesare Basile

Eros e Tanatos, due facce della stessa medaglia. Hellequin ovvero il cavaliere guida dell’esercito dei morti e Arlecchino ovvero la maschera della commedia dell’arte umana. Negli opposti guardiamoci dentro! Ammettiamo i nostri peccati e le nostre paure! Aggrappiamoci a questo bicchiere di vino che si chiama destino! Non fuggiamo dall’ultima beffa: sarà l’amore che nessuno mai consumerà o Il deserto che vedremo dalla nostra croce? Ad ogni modo reciteremo la nostra parte su questo palco e magari “pisceremo sulla Banca d’Italia”. Durante la veloce vita che ci è concessa fermiamoci per la durata di Hellequin song e lasciamoci penetrare dal folk-blues nero di Cesare Basile. Si possono fondere i suoni blueseggianti dell’Arizona con quelli delle processioni della tradizione del sud Italia? Si possono usare immagini cristologiche della Bibbia per descrivere il dolore dell’amore? Ebbene sì, tutto sarà possibile se comprenderemo che essere perdenti come il Fratello gentile significherà guardare in faccia la vita: solo il mondo sarà il nostro carnefice. Nella centrifuga del flusso di coscienza l’ispirazione ha macinato ovunque, dal fumetto di Dampir (Hellequin song) al libro E morì ad occhi aperti di Derek Raymond (Fratello gentile). Questo stesso fluire ha trascinato con sè tanti artisti tra cui il produttore John Parish, Hugo Race (ex Bad Seeds) e Manuel Agnelli, seconda voce in Fratello Gentile. Quattordici canzoni, quattordici spiriti persi e perdenti che Cesare Basile ci offre, chiedendoci solo di usare tutto il suo amore per la musica come unica esperienza catartica rimasta. Attraverseremo il dolore dell’amore in Dal Cranio, Usa tutto l’amore che porto, Ceaseless and fierce; vedremo il marcio della guerra in Hellequin song e sentiremo il peso di vite perdenti in Le feste di ieri e Fratello gentile. Alla fine scopriremo che il bizzarro uomo di Odd man blues ci ha salvato la vita e potremo dire “al corvo che va tutto bene / ero solo distratto”.

Credits

Label: Mescal – 2006

Line-up: Cesare Basile (Voice, guitar).
In collaborazione con Hugo Race, Marcello Caudullo, Marcello Sorge, Giorgia Poli, Michela Manfroi, Roberta Castoldi, Marta Collica, Kris Reichert, Jean Marc Butty, Stef Kamil Carlens, Enzo Mirone, Lorenzo Corti e Manuel Agnelli.

Tracklist:

  1. Dal cranio
  2. Finito questo
  3. Fratello gentile
  4. Odd Man Blues (Kill You Song Files)
  5. Il deserto
  6. To Speak Of Love
  7. Dite al corvo che va tutto bene
  8. Hellequin Song
  9. Le feste di ieri
  10. Continuous Lover, Silent Sister
  11. Usa tutto l’amore che porto
  12. Ceaseless And Fierce
  13. Tema di Laura
  14. Stella & the Burning Hea

Links: MySpace

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

Leave a Reply