Home / Recensioni / Album / Shidoro Modoro – Fanali

Shidoro Modoro – Fanali

fanali_coverAll’alba, nella coltre di una nebbia rosa, immergendosi in un lago lunare. Perdendosi in un flusso di coscienza, riavvolgendo il nastro del tempo interiore, attraversando il mare molle della memoria per gettare uno sguardo verso un altro Dove che forse Anche già Era lì a portata di mano. Questo tipo di viaggio può essere figlio di uno stato di ebbrezza, dove le barriere e le strade della convenzione perdono significato e tutto è possibile come succede in Shidoro Modoro, primo album del suggestivo progetto audio-visivo partenopeo Fanali. In questa combo albergano due validissimi pezzi degli EPO: il chitarrista Michele De Finis ed il batterista Jonathan Maurano. Risalta l’amore per il rock cinematico nordico di Michele De Finis, che aveva non poco influenzato le sonorità di Enea, ultimo disco degli EPO. Risalta la sperimentazione ritmica di Jonathan Maurano, che sorprende divinamente in questa nuova veste di giocoliere sui generis di beats. A loro si affianca la polistrumentista Caterina Bianco, che interseca e dilata le trame soniche, fornendo più contrasti e sfumature come accade nella magica Anche, dove la sua voce è strumento delicato e potente che corona una bella alchimia. Invece in Dove c’è la voce di Michele De Finis che si fa avvolgere dall’onirico sax di Pietro Santangelo. Pezzo magico. I soundscape realizzati dalla band partenopea hanno sostanza armonica, anche cambiando i dettagli continuano a funzionare come nelle rivisitazioni di Salvio Vassallo (Il Tesoro di San Gennaro, Spaccanapoli). Ad impreziosire questo disco l’artwork ed i visual curati da Sabrina Cirillo. Shidoro Modoro è un disco sinestetico, dove il post-rock dei Sigur Rós si intreccia con la maestria del compositore Hans Zimmer e con gli echi di un Mediterraneo mai lontano. Fanali è un progetto pronto per scrivere colonne sonore suggestive di serie e film nell’immediato futuro. Qui c’è la Napoli senza mandolino che non ti aspetti, ma che ti sorprende sempre!

Credits

Label: Soundinside Records – 2022

Line-up: Caterina Bianco (vocals, violin, synth) – Michele De Finis (vocals, guitars, bass, synth, programming) – Jonathan Maurano (clean and distorted drums and Vocal Beats)

Tracklist:

Tracklist
Side A
ERA
DOVE
ANCHE
PIANO
Side B
ARE
VEDO
AN(A)CHE
PANI(C)O
Link: Facebook.

AN(A)CHE – Video

Album – streaming

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

Leave a Reply