Home / Recensioni / Album / Never Let Me Go – Placebo

Never Let Me Go – Placebo

Placebo-Never-Let-Me-GoIl talento sopravvive a tutto. Tre decenni di hits non si possono cancellare. I figli del Duca Bianco riemergono controcorrente da quel mainstream che li aveva un po’ soffocati nella loro vis artistica. Dopo quasi dieci anni dal loro ultimo lavoro, i Placebo ritornano punto e a capo, rinfrescano quel loro neo-glam, basato su inni gotici ed eyeliner con un approccio destrutturato incline più al synth-rock e a spasmi quasi industrial. Fuoriesce un disco dalle atmosfere cupe dove bellezza e veleno coesistono, dove in una faglia tra il pop anni ottanta e il rock anni novanta emerge un’attitudine inattesa alla sperimentazione.  Never Let Me Go è un concentrato di intensi testi dove albergano concetti dicotomici chiave di questi anni pandemici: sospetto e paranoia, rabbia e delusione, angoscia e alienazione. Dal punto di vista sonico siamo davanti alla mirabile voce di Brian Molko, che come il vino invecchiato raggiunge livelli altissimi, e agli ipnotici giri di basso di Stefan Olsdal. Le intuizioni e le ispirazioni sono da rintracciarsi tra Pet Shop Boys (Went Missing), David Bowie (Happy Birthday In The Sky), REM (This Is What You Wanted), Radiohead (Surrounded By Spies). Ma c’è spazio anche per autocitarsi e aggiungere altre perle al loro repertorio pluridecennale come Try Better Next Time, Beautiful James, Twin Demons e Fix Yourself. Con questo ottavo album i Placebo ci ricordano che sono ancora tra le band più intense ed emozionali della storia del rock britannico degli ultimi trentanni.

È così bello quando non mi sento niente” – da Forever Chemicals

Credits

Label: So Recordings – 2022

Line-up: Brian Molko (voce, chitarra, sintetizzatore, loop, drum machine, percussioni, Astral Whip(voce, chitarre, banjo, batteria, basso, diamonica, organo, armonicaEmanuele) – Stefan Olsdal (basso, chitarra, sintetizzatore Boutique, pianoforte; cori (traccia 2)).

Tracklist:

01. Forever Chemicals
02. Beautiful James
03. Hugz
04. Happy Birthday in the Sky
05. The Prodigal
06. Surrounded by Spies
07. Try Better Next Time
08. Sad White Reggae
09. Twin Demons
10. Chemtrails
11. This Is What You Wanted
12. Went Missing
13. Fix Yourself
Link: Official Site.

Try Better Next Time – Video

Album – streaming

Ti potrebbe interessare...

Web

Non ci aspetta nessuno (se non miliardi di foto) – Riccardo Ruggeri

Con Io non sono figlio di Maria, al ritmo trascinante di un pop elettronico che …

Leave a Reply